01 nov 2016

La Lazio non arresta il volo, Inzaghi parla dei suoi ragazzi.

La Lazio vince, ancora. Dopo il Cagliari gli uomini guidati da Simone Inzaghi conquistano altri tre punti contro il Sassuolo. Una vittoria importante, anche in vista del big match che vedrà i capitolini in trasferta a Napoli. Un 2-1 frutto delle reti di Lulic ed Immobile a cui ha risposto Defrel. Ora i biancocelesti salgono a quota 21 punti e si trovano a sole due lungheze dalla Roma e ad un passo dal Milan terzo in classifica. Al termine della partita proprio il tecnico laziale è intervenuto nella consueta conferenza stampa.
Una buona partita: adesso con queste due vittorie la squadra può volare in alto?
"Sono due ottime vittorie, penso che oggi abbiamo subito inizialmente il cambio del modulo del Sassuolo, che si è presentato mettendo cinque difensori. Dopo il tiro di Defrel non abbiamo subito nulla, abbiamo fatto tanti traversoni senza mettere uomini in area. C'era un rigore per noi netto, che avrebbe cambiato la sfida. Poi nel secondo tempo loro sono tornati con il 4-3-3 e dovevamo contenerli meglio. Chiudiamo una settimana piena di problemi con un buon rendimento".
Un giudizio sullo spirito dei ragazzi?
"Grandissimo lo spirito dei ragazzi: c'era soffrire. Siamo stati bravi a soffrire gli ultimi venti minuti: chi era allo stadio oggi ci ha aiutato. Ci godiamo fino a domani questa vittoria, poi martedì penseremo al Napoli".
Questa squadra può crescere ancora?
"Può crescere ancora: abbiamo giocato senza de Vrij, Bastos e Lukaku che sono giocatori importanti e che mi avrebbero fatto comodo per un turn over. Bravi i ragazzi che hanno giocato queste tre partite. Patric è stato il migliore in campo la volta scorsa, ma oggi l'ho alternato con Basta perché aveva giocato sei partite. Sono felice di avere degli elementi che ti mettono in dubbio e ti mettono in imbarazzo nel fare le scelte. Accadrà così anche contro il Napoli".
Il suo parere sul possibile rigore?
"Il rigore oggi era netto: ma può capitare. Nell'occasione c'erano Banti e Calvarese che sono due ottimi arbitri, a volte si sbaglia. Spiace che capiti contro di noi".
Come mai è entrato Murgia e non Cataldi?
"Cataldi ha giocato due partite da 90' minuti e mi è sembrato meglio mettere Murgia. E infatti è entrato benissimo in campo, ma sono stati bravi anche gli altri".
Ci sono certezze in più per la sfida contro il Napoli?
"Senz'altro, l'unica cosa di cui sono sicuro è che faremo la nostra partita. Con Milan e Juventus non dovevamo perderla. Il Napoli è costruito per vincere il titolo, ora siamo sopra di loro perché abbiamo vinto queste gare. Non ricordo chi ha vinto l'ultima sfida al S.Paolo. Ma noi dobbiamo fare la nostra gara".
Un giudizio su Immobile e Biglia?
"Immobile sta facendo bene, oggi gli sono state date poche palle, ma è stato bravissimo a fare gol ugualmente. Biglia è entrato bene, ma probabilmente il suo minutaggio era quello. Appena entrato ha fatto un errore su un passaggio, cosa non da lui. Insieme allo staff medico abbiamo decisio di non rischiarlo dall'inizio. Lucas è un giocatore troppo importante, non possiamo farne a meno". 
Abbiamo visto un po' scintille a bordo campo fra le due panchine...
"Loro protestavano sul gol di Lulic, noi sul rigore non dato. Di Francesco è un amico, è tutto risolto".

Nessun commento: