02 apr 2016

Derby di Roma: occhi puntati su Totti e Klose forse alle ultime battute. Lazio vs Roma probabili formazioni e statistiche.


Situazioni diverse in classifica perchè la Lazio insegue l’Europa anche se con poche chance di raggiungerla , mentre la Roma vuole blindare il terzo posto; l’obiettivo però non può che essere la vittoria per entrambe, anche e soprattutto al di là di quelli che sono i traguardi da centrare in stagione. Potrebbero essere le ultime battute per Klose e Totti, sentito quindi più che mai per i leader delle due compagini il ritorno di un derby che manca in casa Lazio da ormai molto tempo. Spalletti contro Pioli, Pallotta contro Lotito, personaggi che a Roma non hanno mai entusiasmato e convinto fino in fondo. Curve deserte in una Roma che meriterebbe un palcoscenico da finalissima. Che questo serva a far riflettere.

Statistiche

Derby capitolino numero 144 in Serie A: Roma avanti nel computo delle vittorie per 50 a 36.
La Lazio non vince un derby di campionato dal novembre 2012 – tre vittorie giallorosse e altrettanti pareggi da allora.
La Roma ha segnato esattamente due gol in quattro degli ultimi cinque derby di campionato.
I biancocelesti hanno perso solo una delle ultime sette gare di campionato, due successi e quattro pareggi completano il parziale.
Roma imbattuta da nove turni: otto successi di fila a cui è seguito il pareggio con l’Inter.
I giallorossi hanno tenuto la porta inviolata solo in due degli ultimi 12 match di campionato – nelle restanti 10 gare, tuttavia, non hanno mai subito più di un solo gol.
La Roma è la squadra che ha segnato più gol nella prima mezzora di gioco (19) mentre nessuna squadra ne ha subiti più della Lazio (16) nello stesso frangente di gara.
Quattro gol e tre assist per Lucas Biglia in questo campionato: entrambi record personali in una singola stagione di Serie A.
Francesco Totti è il miglior marcatore di sempre nella storia dei derby capitolini di campionato (11 reti).
Diego Perotti ha preso parte a sei gol nelle sue otto presenze in Serie A con la maglia giallorossa (due reti e quattro assist).

Pre-tattica

Qui Lazio - Modulo  4-3-3
Si presenta al derby con la solita sfilza di infortunati; anche Basta e Milinkovic-Savic potrebbero non recuperare in tempo - nel caso sarebbero entrambi in campo dal primo minuto - e in più è squalificato Lulic, l’eroe della finale di Coppa Italia nel 2013. Stefano Pioli conferma il 4-3-3, ma dovrà fare i salti mortali per presentare una formazione credibile: Patric e Braafheid hanno giocato pochissimo in questa stagione, ma vista l’emergenza dovranno essere schierati come terzini. In mezzo alla difesa invece ci saranno Hoedt e Bisevac; Mauricio al momento viene dato indietro nelle gerarchie del suo allenatore. A centrocampo naturalmente non si può prescindere dal contributo di Parolo e Lucas Biglia, due dei titolarissimi nella Lazio di oggi; il terzo sarà Cataldi se Milinkovic-Savic non dovesse recuperare al 100%, in alternativa rimane sempre viva la pista Onazi. Il reparto offensivo è quello che può contare su più soluzioni: sono per esempio in tre per il ruolo di prima punta, Pioli è stuzzicato dall’idea Klose ma alla fine potrebbe e dovrebbe puntare su Matri dal primo minuto. Al fianco del lodigiano giocheranno Candreva e Keita Balde Diao, anche se Felipe Anderson si candida ad un posto da titolare insieme a Stefano Mauri, la cui esperienza e la militanza di lungo corso nella Lazio potrebbero giocare a suo favore in questo derby.

Qui Roma - Modulo 4-2-3-1  
A differenza della Lazio, la Roma ha recuperato i suoi infortunati: ai box il solo Gyomber, con De Rossi che risente ancora di un fastidio alla schiena ma dovrebbe comunque essere portato in panchina. Nella formazione titolare potrebbe esserci spazio per Edin Dzeko, tornato rinfrancato per il gol segnato in nazionale (ha segnato anche Pjanic nel 2-0 alla Svizzera); questo significa che Perotti, Salah ed El Shaarawy faranno un passo indietro e giocheranno sulla trequarti, componendo il 4-2-3-1 che è il modulo del primo Spalletti giallorosso. A proteggere quello che è un reparto altamente offensivo ci sarà Nainggolan: Spalletti lo ha provato da incursore (come faceva Perrotta) con ottimi risultati, ma domenica il belga dovrebbe agire più che altro come mediano di contenimento, senza comunque disdegnare l’aggressione degli spazi senza palla. Al suo fianco ci sarà Pjanic, che invece avrà compiti di regia per aumentare la qualità delle giocate fin dall’area difensiva; in difesa si ricompone la coppia centrale con Rudiger (che contro l’Italia ha giocato da terzino) e Manolas, mentre a destra giocherà Florenzi (ormai riciclato del tutto in questo ruolo) con Digne preferito a Zukanovic dall’altra parte.

Probabili formazioni

Lazio (4-3-3): 22 Marchetti; 4 Patric, 13 Bisevac, 2 Hoedt, 5 Braafheid; 16 Parolo, 20 Lucas Biglia, 21 32 Cataldi; 87 Candreva, 17 Matri, 14 Keita B.
A disposizione: 99 E. Berisha, 55 Guerrieri, 33 Mauricio, 7 R. Morrison, 23 Onazi, 6 S. Mauri, 11 Klose, 9 F. Djordjevic, 10 Felipe Anderson Allenatore: Stefano Pioli 
Squalificati: Lulic  
Indisponibili: Konko, De Vrij, Gentiletti, Radu, Kishna, Basta, Milinkovic.

Roma (4-2-3-1): 25 Szczesny; 24 Florenzi, 2 Rudiger, 44 Manolas, 3 Digne; 4 Nainggolan, 15 Pjanic; 11 Salah, 8 Perotti, 22 El Shaarawy; 9 Dzeko  
A disposizione: 26 De Sanctis, 13 Maicon, 87 Zukanovic, 33 Emerson, 35 Torosidis, 20 S. Keita,16 De Rossi, 48 Salih Uçan, 6 Strootman, 14 Iago Falque, 10 Totti Allenatore: Luciano Spalletti 
 Squalificati: - 
 Indisponibili: Gyomber, Vainqueur

Nessun commento: