25 nov 2015

Rialzati in volo aquila!

Aria di crisi in casa Lazio. La squadra continua il ritiro voluto dal presidente Lotito. 
Domani all'Olimpico arriva il Dnipro. Una vittoria permetterebbe ai ragazzi di Pioli di qualificarsi ai sedicesimi di Europa League con un turno di anticipo. Permetterebbe anche di acquisire quella tranquillità e fiducia nei propri mezzi che si è persa a causa degli ultimi risultati negativi in campionato. L'uno a uno di domenica scorsa contro il Palermo è stato il peggior momento dell'era Pioli. Per questo motivo l'allenatore che tanto bene aveva fatto l'anno scorso, è in discussione. Dnipro ed Empoli saranno banchi di prova importanti. 
Più che altro la società vorrà vedere se il tecnico ha ancora in mano lo spogliatoio. Rumors provenienti da Formello dicono di una squadra sfiduciata, senza stimoli e con molti big come Candreva, Biglia, Klose, nervosi e insoddisfatti. Candreva non ha mai mandato giù la decisione della società di affidare, in estate, la fascia di capitano a Lucas Biglia. L'argentino, dal canto suo, avrebbe voluto cambiare aria e andare a giocare in club come Manchester United o Tottenham. E' rimasto, a malincuore, sembra, e la sua stagione, caratterizzata da molti infortuni muscolari, fino ad ora è stata insufficiente. Si parla di un interessamento dell'Inter per gennaio. La sensazione è che Biglia, se dovesse nuovamente manifestare la volontà di andare via, verrà ceduto e con i soldi ricavati la società si butterà alla ricerca di un difensore. Ecco, la difesa, è questo il reparto che più sta penalizzando la squadra. L'assenza di De Vrij pesa come un macigno. Mauricio, Gentiletti e Hodt non si sono mai rivelati all'altezza dell'olandese. Urge un rinforzo importante. Si parla di Ron Vlaar. Forte, si, ma reduce da un lungo stop. Sono voci. La verità è che il club deve cambiare rotta. A novembre nulla è compromesso. Se Pioli non sarà in grado di effettuare questo cambiamento allora sarebbe meglio sostituirlo. Due nomi su tutti: Simone Inzaghi e Francesco Guidolin. Un debuttante e un tecnico di grande esperienza. Entrambi porterebbero qualcosa in più allo spogliatoio. Entusiasmo, ordine, disciplina. Troppo brutta questa Lazio. Troppo male fa vedere un organico pieno di talento, sciupare il proprio potenziale in questo modo. Felipe Anderson, Keita, Milinkovic-Savic, Candreva. Bisogna uscire da questa situazione. Anche perché la distanza con le prime posizioni sta iniziando ad aumentare in modo preoccupante.

Nessun commento: