21 set 2015

Siamo esausti e umiliati. Napoli 5 Lazio 0.

Buongiorno! Intanto vorrei ricordare a Lotito che Carpi e Frosinone queste figure penose non le fanno. 
Siamo esausti delle umiliazioni subite a partire dalle sconfitte in coppa, passando per Chievo Verona e finendo ieri sera a Napoli. 5 gol già scritti, considerando la formazione arrancata di Stefano Pioli tra un Lulic smanioso di andare via e un Mauri ripescato all'ultimo.
Un risultato agghiacciante, così come la prestazione dei biancocelesti, che rimangono di sasso e cadono sotto i colpi sferrati dagli azzurri. Una serata da dimenticare, destinata però a rimanere ben impressa nella storia della Lazio. Cosa scrivere? Come commentare? E' sotto gli occhi del mondo la vergognosa umiliazione che noi tifosi stiamo subendo. 
Mi limiterò a ricordare uno ad uno le prestazioni dei biancocelesti di ieri sera.

I Voti 

MARCHETTI 5.5: Si salva d'istinto sul tocco ravvicinato su Higuain, poi lo stesso argentino lo fulmina con una conclusione dal limite. Il match diventa un tiro al bersaglio: Allan, Insigne è un'altra volta Higuain lo puniscono. Evita il passivo ancora più pesante con almeno tre interventi. 
BASTA 5: Parte discretamente bene con una discesa sulla destra. L'assist al centro per Keita è perfetto e viene gettato alle ortiche. Insigne è un pericolo costante, non riesce proprio ad arginarlo. 
MAURICIO 4: La difesa è in bambola, quando è così la grinta e l'irruenza non bastano proprio. Vive un incubo al San Paolo.
HOEDT 4: Dopo le prestazioni positive contro Udinese e Dnipro, conosce il significato della parola "serataccia". Higuain lo aggira in occasione del gol del vantaggio, poi si posiziona male col corpo e viene bruciato da Allan. Higuain, Callejon, Insigne e Gabbiadini gli fanno capire in 90 minuti le difficoltà del campionato italiano. 
RADU 4: Purtroppo questo tipo di rendimento ormai non è più una sorpresa. In apnea per tutta la gara, regala a Higuain il "filtrante" del 4-0 con un retropassaggio sbagliato. Non è mai sicuro nelle giocate. 
PAROLO 4.5: In affanno dal primo all'ultimo minuto. I giocatori di Sarri si infilano da tutte le parti, non riesce a impostare e neanche ad arginare le avanzate degli avversari. Sbaglia tantissimo. Troppo.
ONAZI 4.5: In Europa League aveva giocato bene, contro il Napoli sbaglia completamente partita. Non ha le caratteristiche per fare il regista. Matri gli passa il pallone troppo forte, il nigeriano - per non saper né leggere né scrivere - preferisce fare il velo in favore di Parolo. Peccato che dietro ci sia Higuain appostato per il gol del vantaggio. In quella posizione serve altro.
LULIC 4: È irriconoscibile. Anzi è facilmente identificabile, nelle altre gare stagionali non ha mica fatto meglio. Non azzecca un passaggio che sia uno, commette falli a ripetizione rischiando quasi l'espulsione in 45 minuti. Da rivedere. Ma se con questo spirito, il più tardi possibile.
Dal 45' FELIPE ANDERSON  5: Entra all'intervallo per dare la scossa. I giochi però sono già fatti. Le cose non migliorano. Precipitano proprio.
MAURI 4: Vaga sulla trequarti senza praticamente toccare un pallone. E non si rende utile nemmeno in fase difensiva. Per quelle che sono le sue attuali condizioni fisiche il ritmo della partita è troppo alto. Resta negli spogliatoi all'intervello. 
Dal 46' MILINKOVIC-SAVIC 5.5: Diciamo che i compagni non fanno nulla per aiutarlo a ripetere quanto di buono fatto contro il Dnipro. Comunque fa vedere di avere fisico e qualità. Nel finale colpisce di testa la traversa. Meritava la maglia da titolare. 
KEITA 4.5: Che errore al 6'! Dal dischetto calcia un rigore in movimento, lo spara altissimo. Uno con le sue qualità può farsi anche parare il tiro, ma quantomeno deve prendere lo specchio della porta. Quel tiro poteva cambiare il senso della partita, invece la fa sprofondare in favore del Napoli. Un attaccante deve essere più cattivo. Anche nel finale quando c'è da segnare il gol della bandiera.
MATRI 5: Viene mangiato da Koulibaly e Albiol, accusa probabilmente le fatiche di giovedì sera in Europa League. Non è mai pericoloso, riesce a giocare giusto un paio di palloni di sponda. Niente di più. 
Dal 73' DJORDJEVIC sv

Nessun commento: