30 apr 2015

Applausi all'Olimpico per Lazio e Parma. Lazio 4 Parma 0.

 
Lazio 4 Parma 0

Dopo due gare di stop, la Lazio torna alla vittoria stampando un poker al Parma di Donadoni, che allo stadio Olimpico saluta anche la permanenza in serie A. 
La sconfitta con la Juventus e il pari in casa contro il Chievo devono aver dato una scossa agli uomini di Pioli, che in sei minuti chiudono la pratica. Ciani per l'infortunato De Vrij è la novità nella formazione del mister biancoceleste, tornano a centrocampo Parolo e Cataldi. Ancora fuori Biglia e Mauri. Non c'è tempo di fischiare il calcio d'inizio che la Lazio si porta subito in vantaggio: Lulic innesca Parolo che dai 25 metri infila la sua ex squadra. Ottavo gol in campionato per il centrocampista, che esulta. La Lazio è viva e pimpante, e al 13° ben tre minuti dopo il gol dell'ex, raddoppia: traversone di Anderson dalla destra, Mirante ribatte il tiro di Radu ma non può nulla sulla conclusione ravvicinata di Klose, che firma il dodicesimo gol in campionato. Olimpico elettrizzato. Mentre gli applausi per il gol del bomber tedesco non sono ancora finiti, partono quelli per il tris di Antonio Candreva, 16° minuto, servito da Lulic, approfitta di un varco che si apre dalla trequarti per fiondarsi verso la porta di Mirante e realizzare la sua ottava rete in questa stagione di A. 
Per il Parma è baratro. Dopo le ottime prestazioni delle ultime settimane, non può nulla contro una squadra che si tiene stretta con le unghie e con i denti la posizione privilegiata in classifica. Nel finale di tempo, ancora Candreva e Felipe Anderson a caccia del gol. 
Nella ripresa il Parma con orgoglio bussa alla porta di Marchetti, ma Mendes sfiora l'incrocio. Poi tocca a a Lila prendere la traversa, quando ormai l'unico a giocare con più intensità nella Lazio è Keita Balde subentrato ad Anderson. Proprio lo spagnolo si mette in mostra con un assolo splendido sulla sinistra sventato da Mirante e al 35° arriva finalmente il desiderato gol: tocco vincente su traversone dalla destra di Candreva. Poker e festa all'Olimpico ma al Parma non mancano gli applausi.

Nessun commento: