01 feb 2015

Lazio in ginocchio a Cesena. Cesena 2 Lazio 1.


Cesena 2 Lazio 1

Sotto ritmo e linee di gioco inesistenti, questa è la Lazio di oggi. L'autogol di Cataldi è l'emblema di una giornata no. Quando è il momento di ringhiare sulle caviglie degli avversari e affondare il tekel per il terzo posto, i biancocelesti si piegano in due e regalano tre punti al Cesena di Defrel. 
Un primo tempo confuso di Candreva e i suoi compagni, Klose è isolato e il Cesena fa la partita. 
12 punti per la squadra di Di Carlo, dovuti a 2 vittorie, 6 pareggi e 12 sconfitte. La vittoria della scorsa giornata contro il Parma sembra aver dato morale ai padroni di casa che non temono la squadra di Pioli anzi attuano un pressing incessante in ogni angolo del campo. Con Ledesma al posto di Biglia, la Lazio rallenta il gioco, le fasce non spingono e la squadra fatica ad impostare il gioco.
Nella ripresa la Lazio non sembra aver cambiato marcia anzi si schiaccia nella propria metà campo e i padroni di casa ci credono sempre di più. La Lazio ha poche speranze perchè il gioco che propone non è sufficiente.
E il Cesena va meritatamente in vantaggio al 60° con un gran gol di Defrel che supera Marchetti, incolpevole. I brillanti biancocelesti faticano a stare in partita, Klose impiegato per la terza volta in 8 giorni è visibilmente stanco. Entra Keita ma non incide come dovrebbe e al 77° il Cesena con una grande prestazione di Defrel, raddoppia: il giocatore sfonda sulla destra sfruttando un paio di rimpalli, rasoterra a centro area e Cataldi goffamente infila la sfera nella sua rete. 2-0. Lazio inguardabile e senza grinta. 
Nel finale accorcia le distanze Klose con un gran tiro da fuori ma il fischio dell'arbitro sancisce un'amara domenica per la squadra di Pioli. Il terzo posto con la vittoria del Napoli sul Chievo Verona, si allontana.

Nessun commento: