12 lug 2014

Dal ritiro di Auronzo di Cadore conferenza stampa di Ledesma.

La Lazio ha iniziato il suo ritiro, e il mister Pioli sta cercando di dare la sua impronta alla squadra, oggi Cristian Ledesma ha parlato in conferenza stampa per delineare gli obbiettivi della squadra per questa nuova stagione... 

Da dove si riparte?"Dalla voglia di non fare un campionato anonimo Noi abbiamo le nostre colpe, ma è stato fatto qualcosa di buono nel girone di ritorno per recuperare gli errori dell’andata, dalla partita con l'Inter in poi".
Le impressioni su mister Pioli? "Buone. Mostra tanto entusiasmo, è presto per giudicare. Tutto il suo staff ha grande entusiasmo e questo ci mette a proprio agio"

Che aspettative personali hai? "Quelle di sempre, dare quello che posso dare e poi vogliamo migliorare a livello di squadra. Le aspettative di ogni anno sono quelle di migliorare come squadra , fare come in passato 
per tornare in Europa".

Sulla finale del Mondiale? "Speravo che uno dei miei compagni arrivasse in finale. Tifo un po’ più per l'Argentina, ma se dovesse vincere la Germania sarò ugualmente contento per Miro".

Crisi calcio italiano? "Adesso siamo tutti bravi a criticare, ma sono critiche che vanno fatte prima. Non so se dipende da problemi generali, se l'Italia avesse vinta nessuno avrebbe detto che era in difficoltà. Le difficoltà si vedono soprattutto dalle coppe europee. Bisogna continuare a lavorare sul vivaio, non è colpa degli stranieri"

Prandelli, non ti ha più chiamato, come te lo spieghi?
"Non so cosa è successo. Io sono stato convocato: o non sono piaciuto, o non servo, o non mi sono giocato bene le mie carte. Il motivo è uno di questi tre, non sto qui a pensarci. Ho conosciuto troppo poco Prandelli per farmi un'idea"


Che gara ti aspetti domani?"Domani mi aspetto una gara chiusa, per fare male all’avversaria credo si giocherà soprattutto con il contropiede".

Impressioni sui nuovi?
"Basta lo conosciamo tutti, parla tutto quello che ha fatto nell'Udinese. Molto forte fisicamente e tecnicamente. Gli altri due bisogna vederli, è troppo presto per giudicarli".


I giovani che impressione ti hanno fatto? "Sono contento dei giovani, li conosciamo, si sono allenati con noi. Sono contento di Danilo (Cataldi ndr) che ha fatto un grandissimo campionato, spero che abbia l'opportunità di giocare se lo merita".

Come riavvicinare i tifosi? "La nostra ricetta da calciatori dev'essere quella di ritornare a essere grandi e riportarli allo stadio con i risultati".

Nessun commento: