12 mag 2014

Nell'era Lotito, non ci resta che piangere.

Centrare l'ottavo posto per evitare i preliminari di Coppa Italia. Mancano novanta minuti al termine di una stagione da dimenticare per la Lazio. La gara con il Bologna servirà per mandare in archivio un'annata difficile in cui quasi nulla è girata nel verso giusto. I biancocelesti sono crollati sul più bello non riuscendo a centrare almeno il sesto posto che sarebbe valso la qualificazione alla prossima Europa League. Condizione fisica che lascia a desiderare, l'età non proprio bassa della rosa e mancanza di personalità e cattiveria agonistica dimostrata nel mantenere i vantaggi negli scontri diretti sono risultate decisive, in negativo, nella volata europea. Pensare che ai capitolini sarebbe bastato battere Verona e Torino per presentarsi all'ultima giornata in sesta piazza con un punto di vantaggio sulle inseguitrici. Tutto questo non è accaduto e adesso per la squadra di Reja rimane da chiudere al meglio contro il Bologna. Resta, infatti, ancora un obiettivo per la Lazio: quello di evitare i preliminari di Coppa Italia. Come riporta l'edizione odierna de Il Corriere dello Sport, i biancocelesti sono al momento decimi e devono superare due avversarie per presentarsi alla competizione da testa di serie. In poche parole bisognerà battere il Bologna e sperare che due tra Verona, Milan e Parma non vincano. Ipotesi difficili, ma non impossibili in questo pazzo finale di stagione. Altrimenti Reja e la nuova Lazio dovranno scendere in campo per la prossima Coppa Italia nel week-end tra il 23 e il 24 agosto a una settimana dal via del campionato.

Nessun commento: