08 mag 2014

Candreva, riscatto ad un passo.

Una carriera troppo anomala rispetto alle sue qualità, risollevata quasi improvvisamente con il suo approdo a Roma, sponda biancoceleste. Diventato sempre più un giocatore simbolo di una Lazio fin troppo spaesata, il definitivo riscatto di Antonio Candreva sembrerebbe ormai davvero ad un passo. Come riportato dalle colonne di 'Repubblica', a margine dell’assemblea di Lega svoltasi nella giornata di ieri, i due presidenti Lotito e Pozzo, dopo averne già ampiamente discusso nelle ultime settimane, pare abbiano trovato un punto d'incontro sulla base di 8,5 milioni per il riscatto del cartellino a titolo definitivo. Un percorso già intrapreso lo scorso anno con il pagamento di 1,7 milioni per la metà con cui la società biancoceleste aveva esercitato il diritto di riscatto. Prezioso ai fini della trattativa, anche il contributo del club friulano che ad oggi avrebbe potuto mettere all’asta il 50 per cento del suo cartellino, dal momento che solo due anni fa non avrebbe certamente recuperato 8 milioni. Un'operazione che, qualora andasse in porto definitivamente, renderebbe soddisfatti un po' tutti, a partire dal giocatore che non ha mai nascosto il suo desiderio di restare alla Lazio, dopo tanto vagare di prestito in prestito. Proprio per agevolare il riscatto, l’estate scorsa l'esterno di Tor de' Cenci aveva prolungato il contratto sino al 2018. Non è da escludere neanche l'ipotesi che Lotito, visto il suo rendimento, decida di blindare il giocatore e ritoccare il suo ingaggio.

Nessun commento: