10 mag 2014

Addio Europa. Inter 4 Lazio 1

 Inter 4 Lazio 1
E Lotito esclamò: "State tranquilli, abbiamo 22 titolari, la difesa è compatta." 
La Lazio vola a Milano per l'ultimo treno targato Europa league. L'Inter nella serata dell'addio al calcio di Zanetti, ci mette cuore e polmoni stendendo la Lazio con un sonoro poker. 
Le  colpe non sono dell'allenatore o dei giocatori ma di una gestione mediocre che non merita di rappresentare il nome della prima squadra della Capitale. La partita inizia in discesa per gli uomini di Reja che trovano la rete del momentaneo vantaggio con Biava. Ma la Lazio non è in grado di gestire e capitalizzare il vantaggio, così quando la difesa si apre in due, Palacio, tutto solo, insacca grazie ad un assist perfetto di Kuzmanovic e ad una difesa distratta. L'Inter ha il pieno controllo del match e in pochi minuti ribalta il risultato portandosi avanti, questa volta con un gol di Icardi, bravo a spaccare in due la confusa difesa biancoceleste. La Lazio è molle come un budino, Mazzarri lo capisce e incita i suoi. Incoraggiamento che produce i suoi frutti, visto che l'Inter trova la rete del 3-1 con una doppietta di Palacio. Tutti negli spogliatoi, la Lazio è ad un passo da una stagione deludente e insignificante. Reja è in bilico. Nella ripresa è sempre l'Inter ad avere il pallino del gioco. La strigliata di Reja non produce alcun effetto. Nessuno ci crede più. Così Hernanes condanna la Lazio quando fa partire un bolide dei suoi da fuori area, Berisha non può nulla 4-1. Addio sogni di gloria, Ma non smetterò mai di dire che fin quando ci sarà una società incompetente la Lazio non potrà mai ambire ad una posizione di prestigio. Ora è il momento di ricostruire la squadra partendo dalla difesa e dalla società.  Addio Europa.

1 commento:

Riva Emanuele ha detto...

Tutto vero tranne la ripresa, in cui ho visto solo Handanovic contro una buona Lazio che faceva il match.
Stagione da dimenticare, non siete certo gli unici.
Un saluto.