06 mar 2014

"Ecco perchè protestiamo domenica". Voce ai tifosi della Lazio.

Lazio-Atalanta e la protesta della gente laziale verso Lotito continua. A differenza della gara contro ilSassuolo, dove erano presenti allo stadio circa 40.000 spettatori, contro gli orobici la protesta annunciata prevede un Olimpico deserto. Due esponenti della Curva Nord ai microfoni della trasmissione La Voce della Nord’, in onda sulle frequenze di Radiosei, hanno spiegato il perchè di lasciare lo Stadio vuoto in occasione di Lazio-Atalanta di domenica“Noi staremo fuori per visionare, chi vuole può venire. Vogliamo far capire che possiamo anche stare lontano da ciò che amiamo, se serve a dimostrare che non ce la facciamo più a sopportare questa gestione. Questo è un atto di amore, è un sacrificio, l’assenza è più importante della presenza quando sposi questa causa”.
I due sottolineano che non c’è nessuna ‘regia oscura’ dietro questa protesta: ”Non sono iniziative che portiamo avanti per i nostri interessi, torniamo a ripetere. Contro il Sassuolo abbiamo avuto la dimostrazione che il popolo laziale è unito. La nostra protesta è manifestazione di puro amore. Lo spirito è Libera la Lazio, perché quello che questa gestione ci ha dato è l’impossibilità di sognare. Non protestiamo perché siamo a conoscenza dell’intenzione di qualcuno di comprare la Lazio. Se qualcuno ci fosse, che si facesse vedere. Siamo arrabbiati, vedere che non si trova uno sponsor sulla maglia, che non si da nemmeno la possibilità di puntare a qualcosa di più. Lotito per noi non è il presidente della Lazio, ma colui che la gestisce. Questo è quello che ci infastidisce. Protesteremo in tutta civiltà, anche domenica saremo fuori dallo stadio per visionare, la Curva Nord è la nostra casa. Il messaggio che vogliamo mandare al presidente, attraverso Libera la Lazio, è che vogliamo ci venga data la possibilità di ritornare grandi. Perchè il presidente non si avvicina a qualcuno che possa aiutarlo? Magari una partnership per far tornare la Lazio un club grande e importante. Può darsi che venga uno peggio di lui, ma i sentimenti che ha creato nella tifoseria non hanno precedenti. I tifosi sono sognatori, non possono essere privati della capacità di sognare”

Infine i 2 esponenti hanno sottolineato l’importanza dell’iniziativa Libera la Lazio“Ci siamo commossi quando abbiamo visto tutti quei cartoncini in alto con la scritta Libera la Lazio. Torniamo a ripetere che quei cartoncini, quando non riuscivamo più a distribuirli, sono stati presi volontariamente dagli altri tifosi. Altri ancora li avevano preparati individualmente a casa. Significa che il popolo biancoceleste è unito, e in maniera unita ha sposato questa causa”.

Nessun commento: