09 gen 2014

"Quell’aquila sur petto, sognata da bambino sortanto ‘na promessa: te resterò vicino!"

‘Na piazza come tante, gl’amici, ‘na panchina,
er Tevere lì dietro a faje da vetrina;
è un giorno de Gennaio d’er millenovecento,
le voci so’ confuse da n’ alito de vento.

L’idea dei giovanotti sospinti da passione
è de creà quarcosa che sia d’aggregazione:
se guardeno negl’occhi, la scerta è suggestiva
“La chiameremo Lazio, sarà Polisportiva!”

Un secolo de storia, mai n’attimo distanti,
un mare de emozioni, de sfide in mezzo ai campi;
quell’aquila sur petto, sognata da bambino
sortanto ‘na promessa: te resterò vicino!

Potrà cascà la luna, potrà fermasse er monno
ma nun potrà cambià, chi è primo e chi secondo
che agl’arti pe sto fatto, je rode e pure tanto
ma io de sto primato, so fiero e me ne vanto.

Un sogno e ‘n emozione chiamata libertà
che c’hanno resi grandi insieme a sta città.
Pe’ questo nun scordatte, oh popolo laziale,
che tu hai portato er calcio a Roma capitale.

Nessun commento: