27 dic 2013

Reja, Lotito, Petkovic: teatrini di fine anno.

AGGIORNAMENTO DEL 27/12 ORE 11.15 - Il contatto tra la Lazio e Roberto Di Matteo trova riscontro anche in Inghilterra. Secondo i tabloid inglesi, l'ex tecnico del Chelsea però, è ancora sotto contratto, e per liberarsi serve pagare la liberatoria di 500 mila euro ai Blues. Cosa che appare difficile, visto la questione "liquidazione" di Petkovic.

AGGIORNAMENTO 27/12 ORE 08.20 - Anche Santo Stefano è trascorso, si assottiglia il countdown verso la decisione sul nuovo tecnico. Al netto di contatti con i vari Di Matteo e Trapattoni, Edy Reja è sempre il candidato numero uno. E scherza sul prossimo impegno dei biancocelesti: "Non so se andrò alla Lazio o no, ma se l'Inter potesse prendere Lavezzi dopo il 6 gennaio, mi sentirei comunque più tranquillo. Affrontare all'esordio un campione come lui non sarebbe decisamente il massimo". Prima però c'è da risolvere la grana Petkovic, con Lotito pronto allo scontro legale con il neo ct della Svizzera.

AGGIORNAMENTO ORE 18.30 - Dalla Spagna arrivano altri indizi che spingono Reja verso il ritorno sulla panchina biancoceleste: il Valencia (altra squadra interessata al goriziano), ha infatti ufficializzato l'arrivo di Juan Antonio Pizzi come nuovo allenatore. Per Reja resta ancora valida l'alternativa ucraina, ma la prospettiva di un "ritorno a casa" è quella che al momento appare la più probabile.

AGGIORNAMENTO 26/12 ORE 17.45 - La Lazio si rimette a lavoro dopo due giorni di pausa per il Natale, pausa relativa perché Lotito è rimasto in costante contatto con i suoi legali per studiare il da farsi. Petkovic non cede, non ha alcuna intenzione di dimettersi e i margini per una risoluzione consensuale del contratto sono ridotti anche perché la frattura tra le parti è ormai profonda. L'esonero sembra l'unica via percorribile, per poi rivalersi su Petko in tribunale, in nome del principio dell'etica professionale. Nel frattempo Edy Reja è in attesa, aspetta la convocazione del patron per discutere e pianificare la sua seconda avventura sulla panchina biancoceleste. Lotito è a Cortina, Gorizia dista meno di due ore di macchina, per questo l'incontro con tutta probabilità andrà in scena nella località di villeggiatura all'ombra delle Dolomiti. Difficile che qualcosa si muova già nella serata di oggi, ma Reja  è sempre più in pole per raccogliere l'eredità di Petkovic.
AGGIORNAMENTO ORE 13.25 - Lotito pronto a portare Petkovic in tribunale, uno scenario paventato già nei giorni scorsi. Oggi è Sportmediaset a rilanciarlo, il patron laziale sarebbe pronto a sfidare il ct elvetico designato a colpi di carte bollate. Anche nel caso di dimissioni. Nelle idee del patron ci sarebbe la volontà di chiedere i danni per la modalità con cui è arrivato l'annuncio di Vlado sulla panchina svizzera, il numero uno biancoceleste si sente tradito.
La pausa per Natale è trascorsa, Santo Stefano si preannuncia foriero di passi in avanti. Soprattutto sul fronte Petkovic. "Domani mi rimetto al lavoro", aveva annunciato ieri Claudio Lotito.  

Domani è arrivato, la questione panchina ritorna a occupare l'attività della dirigenza biancoceleste. Si cercherà innanzitutto di intraprendere la strada che porti all'addio di Vlado. Le posizioni in campo rimangono inalterate: il neo ct della Svizzera non ha intenzione di dare le dimissioni, Lotito vorrebbe evitare l'esonero puro e semplice, che lo costringerebbe al pagamento degli stipendi restanti da qui a giugno. Lo spettro della battaglia legale è sempre vigile, ma l'urgenza di dare una svolta a questa fase di stallo dovrebbe prevalere. Patron e allenatore si sentiranno, potrebbero trovare un compromesso (una buonuscita?). Per la scelta definitiva del nuovo tecnico si dovrebbe invece pazientare ancora, a meno di accelerate improvvise il nome non dovrebbe giungere già oggi.

 Edy Reja resta sempre il candidato numero uno, sta alla Lazio chiedergli in maniera risoluta di tornare a Roma. Tra oggi e domani, nel frattempo, il grande obiettivo Murat Yakin dovrebbe avere un colloquio con i dirigenti del Basilea. Da Formello si terranno le antenne rivolte verso la Svizzera, ma lo scenario per cui Yakin si svincoli dal club elvetico per prendere le redini della Lazio gode di poche chance. Proprio in questo senso, però, si inserisce una novità nella caccia al post-Petkovic.  

Stando a quanto proviene dall'Inghilterra - e riportato da Ilmessaggero.it - Lotito avrebbe contattato Roberto Di Matteo. Una chiamata effettuata subito dopo Verona-Lazio, tra domenica sera e lunedì. L'ex centrocampista biancoceleste e campione d'Europa con il Chelsea - non porta certo con sé il profilo da traghettatore. Il suo identikit escluderebbe pertanto Yakin. Per questo il tentativo con l'italo-svizzero potrebbe essere una mossa per solleticare, per mettere fretta allo stesso tecnico del Basilea. Che resta il primo desiderio - soprattutto di Igli Tare - per la prossima stagione.

Nessun commento: