03 nov 2013

E' buio pesto. Lazio 0 Genoa 2.

Lazio 0 Genoa 2

Prendere due gol in casa contro un pessimo Genoa racconta già abbastanza di questa partita e del tunnel senza luce in cui si è persa la squadra di Petkovic. Le colpe sono di tutti ma sprattutto della gestione che non ha rafforzato la rosa e nel momento più difficile per i tanti infortunati, non si sono trovati cambi adeguati. La Lazio dei giovani e dei vecchi, delle incertezze, di un tecnico che ha smarrito la retta via, non trovando un modulo adatto. Con continui cambi di gioco, scarsa qualità e nessuna organizzazione in mezzo al campo. La Lazio di Lotito, non la nostra. L'Olimpico è gremito nonostante il brutto momento, vuole sostenere i ragazzi, vuole vedere una rinascita... è troppo presto per arrendersi. I rossoblu di Gasperini hanno tutte le intenzioni di portare a casa un punto, chiusi nella propria metà campo non accennano mai a ripartire, Gilardino è isolato e l'unico obiettivo è difendere il risultato. Tutto sommato la Lazio non gioca male la prima frazione anzi le vengono negati due rigori netti: il primo per uno strattone ai danni di Candreva, il secondo per un fallo di mano valutato volontario. Grossi dubbi. La Lazio del solito Antonio Candreva ci prova, bene anche Klose e Pereirinha, ancora fuori dagli schemi del calcio italiano Felipe Anderson. Il primo tempo termina a reti inviolate ma i biancocelesti hanno avuto moltissime occasioni per passare in vantaggio. Perin sembra un muro invalicabile quest'oggi. I grifoni tornano in campo trasformati, hanno capito che se la Lazio l'attacchi, la batti. Così prima Kucka e poi Gilardino, su rigore, affondano i biancocelesti.
La Lazio prova a riaprirla più con la forza dei nervi che con le idee. Gasperini si copre le spalle con gli ingressi di De Maio e Konate (per Kucka e Gilardino), Petko butta dentro Perea, Ederson e Keita per dare maggiore peso alla manovra offensiva. Ma a parte un tentativo di Klose, la squadra di casa produce solo mischie in area. Il Genoa porta a casa il quinto successo consecutivo contro i biancocelesti, la Lazio resta con una classifica amara ed una certezza: è buio pesto.

Nessun commento: