12 apr 2013

Europa league: le interviste post partita.

Vladimir Petkovic: "Abbiamo fatto 15 tiri in porta contro i loro 2, con un po' più di convinzione e precisione potevamo vincere. Ma non dobbiamo piangere su cose che non si possono cambiare, i ragazzi hanno dato tutto per ribaltare il risultato, sono contento della loro prestazione. Sicuramente con il pubblico sarebbe stato tutto diverso. Dopo il vantaggio con la spinta del nostro pubblico potevamo girare il risultato. Ringrazio i nostri tifosi che oggi ci hanno incoraggiato a Formello e hanno visto la partita fuori l'Olimpico".
 

Federico Marchetti: "Abbiamo fatto una grandissima partita, siamo dispiaciuti perché meritavamo questa soddisfazione, peccato perché siamo stati un po’ penalizzati all’andata. Il calcio è questo, ci dispiace e complimenti al Fenerbahce che è andato avanti”.

Senad Lulic: "Rimane l'amarezza perché siamo usciti con un avversario che non è più forte di noi, se fossero stati più bravi avrebbe fatto meno male. Noi giochiamo sempre per vincere e ci tenevamo ad andare avanti, lo abbiamo dimostrato anche nel girone, arrivando primi. C'è grande rabbia perché potevamo passare contro una squadra che non ci è superiore. In campionato giocheremo partita dopo partita, seguendo il mister e vediamo se riusciremo ad arrivare nei primi tre posti".

Libor Kozak: Dopo il gol segnato ci abbiamo creduto tantissimo, volevamo vincere a tutti i costi, ma purtroppo è arrivato il loro gol”. Il Fenerbache non è stato superiore alla Lazio: “Era un avversario battibile, anche per questo ci dispiace, eravamo consapevoli che potevamo passare e che la semifinale era vicina”. Tanti infortuni forse hanno frenato questa Lazio: “Tutti quelli che hanno giocato stasera hanno dato tutto, ormai siamo abituati a giocare ogni tre giorni, ora cercheremo di andare avanti in campionato”. 

Nessun commento: