02 dic 2012

L'aquila è in volo. Lazio 2 Parma 1


Lazio 2 Parma 1

La Lazio vince ancora, in casa, contro un temibilissimo avversario: il Parma. I biancocelesti, soffrendo non poco, riescono a gestire i due gol di vantaggio, portando a casa tre punti importanti per la classifica, considerando anche le vittorie di Juve, Napoli, Inter e Roma. Alla vigilia Petkovic aveva messo in guardia tutti, il Parma è una squadra ostica. Così è stato. Certo, il primo tempo, largamente dominato, sembrava presagire un esito simile a quello di martedi contro l'Udinese. Invece i gialloblu non si sono mai dati per vinti e dopo aver trovato la rete dell'1 -2, fino alla fine hanno cercato la clamorosa rimonta.
Nei primi 5 minuti di gioco la partita è equilibrata, ospiti ben attenti e Lazio che costruisce il gioco.
Al 12' Amauri fa salire la squadra, ma il filtrante di Musacci viene intercettato dalla difesa laziale. Il match si accende quando Biava si fa prima ammonire per un fallo di mano, e un minuto dopo mette giù Parolo. Donadoni e i suoi chiedono il doppio giallo ma l'arbitro grazia il difensore centrale biancoceleste. La Lazio non è in grado di sviluppare il suo solito gioco e il Parma non fa nulla per approfittarne. Sugli sviluppi di un'azione pericolosa degli ospiti, Klose colpisce con la mano ma il rigore non viene concesso. Esplode la panchina guidata da Donadoni. Si resta sull'1 a 0. Lazio graziata, di nuovo. E viene in mente la partita con la Fiorentina viziata da un aribtraggio sconcertante. Il calcio è così, a volte ti va bene altre volte no.
Proprio nel momento più critico, la Lazio sblocca il risultato: al 25' Biava è bravo a risolvere in mischia con un destro che finisce sotto la traversa, Mirante non può nulla. Il match cambia volto, la Lazio attacca e il Parma si chiude nella propria metà campo. Hernanes carica il destro dal limite, ma il pallone è alto sopra la traversa. Sarà l'unica occasione del profeta durante tutto il match. Al 34' i biancocelesti raddoppiano con il solito Miro Klose: riceve da Gonzalez in corsa e riesce ad anticipare con il destro l'uscita di Mirante, tunnel sotto le gambe e rete importantissima. Mister Donadoni carica i suoi, che non demordono e cercando il vano di riaprire la parita prima dell'inervallo. Biabiany cerca il destro da fuori area. Tanta potenza, poca precisione, palla alta. Poi Sansone mette in mezzo con il sinistro, Ciani butta in angolo. Al 43' problemi per Klose che lascia il posto a Kozak. Finisce così la prima frazione di gioco. Tutti a prendere un thè caldo. 
Nel secondo tempo la Lazio sembra adagiarsi un pò e gli emiliani guadagnano campo. Nel frattempo Petkovic perde un altro giocatore importante: cambio forzato, fuori l'altro autore del gol Biava, che viene rimpiazzato da Cana. Ottimo impatto per lui come difensore centrale. Nel secondo tempo la prima occasione è di Candreva, che ci prova al 49’ con un gran diagonale sul quale si supera Mirante. Applausi per Antonio, sempre presente e attento in ogni azione biancoceleste. Ma il resto è un crescendo del Parma. La svolta arriva al 56’, quando Donadoni rimpiazza un irriconoscibile Amauri con Belfodil. Passano dieci minuti e Sansone, incontenibile, viene atterrato in area da Mauri. Rigore. Dal dischetto va Belfodil, il francese si fa parare la conclusione da Bizzarri, ma poi insacca sulla respinta il 2-1. La partita si accende, risultato in bilico e la Lazio stringe i denti. Dentro Lulic per Hernanes. Petko indovina il cambio perchè Lulic tiene alta la squadra e la Lazio torna a respirare dopo un forcing parmigiano molto pericoloso. La Lazio, cinica come non mai, porta a casa la vittoria.Lazio - Parma 2-1 | Belfodil "polemico" non basta, vola Olimpia
Applausi al Parma, nonostante il risultato.


Potrebbe interessarti: http://www.parmatoday.it/sport/lazio-parma-2-1-tabellino-cronaca-commenti.html
Leggi le altre notizie su: http://www.parmatoday.it/ o seguici su Facebook: http://www.facebook.com/ParmaToday
Quinta vittoria nelle ultime sei partite interne per i biancocelesti: ora a 29 punti in classifica.

1 commento:

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Un pò di sofferenza era immaginabile, non si può sempre vincere in scioltezza ieri contavano quasi esclusivamente i 3 punti...ciao!