04 nov 2012

4 colpi e la Lazio affonda. Catania 4 Lazio 0.

Catania 4 Lazio 0

Qualcuno aveva criticato il mio modo di giudicare la squadra di Petkovic. Purtroppo non posso che confermare le parole amare dei precedenti post. Dopo la sconfitta di Firenze e il pari in casa contro il Toro, arriva una pesantissima verità: la Lazio non sa vincere più. E' stanca, troppo stanca. E la cura Petkovic ha smesso di funzionare. Il campanello d'allarme c'era stato in quel recupero del Milan che se non fosse scaduto il tempo, forse, avrebbe pareggiato la partita. La Lazio cade sotto i colpi, 4, del Catania. Un' ottima squadra quella di Maran, mai in sofferenza, anzi domina dal primo all'ultimo minuto e i biancocelesti non mostrano alcun segno di reazione. Prendiamo quattro reti e torniamo a casa umiliati, con la coda tra le gambe. Così dobbiamo sentirci perchè una squadra che non reagisce ai precedenti risultati negativi, che non combatte, che gioca tanto per giocare, non può che meritarsi il sorpasso della Fiorentina. Mediocre è la mentalità come il calcio che ha mostrato oggi. E il derby è alle porte, si potrebbe vincere, perdere o pareggiare ma resta il fatto che non si dovevano lasciare andare tutti questi punti alla deriva. I rossoazzurri vincono meritatamente mentre la Lazio comincia male una settimana decisiva per gli impegni in Europe League e domenica con la Roma nel derby. I gol: All'8' i siculi passano in vantaggio: sinistro violento di Gomez che Bizzarri battezza fuori e invece si infila alle sue spalle. Al 17' sfiorano il raddoppio. Al 25' arriva il 2-0 Catania. L'arbitro assegna un calcio di rigore per un mani di Dias in area e Lodi dal dischetto spiazza Bizzarri. La Lazio non esiste, non ha mai toccato un pallone pericoloso.
Al 29' Gomez realizza la sua doppietta personale con un tiro sotto misura su cross da sinistra di Marchese. Alla mezz'ora essere sotto di tre gol sottolinea l'incapacità biancoceleste. 

Nel secondo tempo dentro Floccari e Brocchi ma il risultato non cambia anzi i siciliani servono il poker:  Al 69' un inarrestabile Gomez scappa a Konko e serve il più facile degli assist a Barrientos che ribadisce in rete. 4 colpi ben riusciti e la Lazio alza bandiera bianca. Non succede più nulla, il Catania non insiste e gli avversari attendono solo il fischio finale. Fischio che arriva come una liberazione per gli uomini di Petkovic. Purtroppo la mentalità vincente, aggressiva e di qualità che il mister aveva dato a questa squadra, sembra essere tornata indietro come un boumerang. Aggressivi, competitivi ma decisamente stanchi per i doppi turni, e se la panchina non ti aiuta, se i fuoriclasse affannano, il risultato non può che essere il seguente. Adesso solo il derby può cambiare le sorti di Petko e dei suoi ragazzi. 

3 commenti:

Entius ha detto...

Momento di crisi biancoceleste... Spero che si rimetta subito in carreggiata. Anche perché la Lazio vista nelle prime giornate non mi era dispiaciuta affatto.

www.calciorum.blogspot.com

Vincenzo ha detto...

Che batosta oggi per voi... Ora il derby è un esame importante per valutare le vostre effettive ambizioni!

yashal ha detto...

Il derby potrà certamente risollevarci il morale o precipitarci definitivamente ma il problema in entrambi i casi resterà.