08 ott 2012

Candreva conquista la Nazionale e ringrazia la Lazio

Ha conquistato il cuore dei biancocelesti a suon di prestazioni convincenti, ha fatto dimenticare ben presto la sua presunta fede giallorossa segnando reti importanti ed esultando da vero laziale sotto la Nord. Antonio Candreva torna finalmente in azzurro e ringrazia l'intero mondo Lazio. Il centrocampista ha manifestato tutta la propria gioia rilasciando alcune dichiarazioni al sito ufficiale biancoceleste. "Questa convocazione è un premio al lavoro svolto in comunione con la squadra e lo staff tecnico- dichiara Candreva, che poi continua- Ringrazio tutti, compresi i tifosi della Lazio, per il sostegno che mi hanno dato e mi daranno in futuro". Due convocazioni in passato per Antonio Candreva, nel 2009 per le amichevoli che l’Italia di Lippi giocò contro Olanda e Svezia. Ha fatto parte di molte nazionali giovanili a partire dall'Under-18 fino alla Nazionale Olimpica, con la quale ha esordito nel maggio 2008 al Torneo di Tolone, manifestazione amichevole in preparazione dei Giochi olimpici di Pechino, vinta dagli azzurrini. Alle Olimpiadi di Pechino viene convocato come una delle 4 riserve. Dopo la seconda partita del girone, viene chiamato a sostituire il fuoriquota Tommaso Rocchi, infortunato al perone, e diventa così un componente della rosa a tutti gli effetti. Viene inserito nella lista dei 23 convocati per gli Europei U-21 2009 in Svezia, dove l'Under-21 viene eliminata in semifinale dalla Germania. Il 14 novembre 2009, a 22 anni, esordisce in Nazionale con il CT Lippi, giocando titolare nella partita amichevole Italia-Olanda (0-0) disputata a Pescara. Viene inserito nella lista dei 30 pre-convocati per i Mondiali 2010, ma il 17 maggio 2010 viene escluso dalla lista dei 28 convocati per il ritiro del Sestriere.

8 commenti:

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Sono contento per questo ragazzo che avevate trattato con eccessiva durezza, te compresa :-)))
Sarebbe stato facile da parte sua lasciarsi andare visto il clima ostile invece ha dimostrato un grandissimo carattere, davvero complimenti...ciao!

yashal ha detto...

Non rinnego nulla delle perplessita' passate. Candreva ha dimostrato di meritare la nostra fiducia, non facile da conquistare vista la sua vecchia fede giallorossa. Tu da blucerchiato dovresti capirmi, immaginando una situazione analoga.

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Io posso capire un pò di diffidenza yashal, non la guerra preventiva che gli avete fatto, ha dimostrato di avere davvero un gran carattere...
Nel 2003 da noi arrivò Doni che si vociferava essere tifoso genoano ma mai nessuno l'ha contestato per questo...ciao!

yashal ha detto...

Guerra Andrè non esageriamo. Diffidenza. Non ci vedo questa battaglia contro Candreva. Era un periodo particolare e Candreva arrivava da solo senza altri acquisti importanti. Si parlava di Honda e altri talenti e alla fine arrivò solo lui di fede giallorossa. Ecco da cosa scaturiva la grossa difficoltà ad accettarlo ma già dall'inizio ci fu anche una parte di tifo a suo favore.

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Vai a rileggerti quanto hai scritto in Lazio- Milan dello scorso anno, verso la fine:-)))
Ciao...

yashal ha detto...

Sei andato a spulciare tra i vecchi post per controbattere su un argomento poco rilevante? Credimi nemmeno io andando a ritroso ho trovato il post che dici. Se magari me lo copi qui tra i commenti lo rileggo e rispondo.

yashal ha detto...

Si si trovato. "I tifosi hanno espresso il loro parere e oggi, quando l'ex centrocampista del Cesena è entrato negli ultimi minuti, lo hanno sommerso di fischi. Messaggio esplicito, già espresso, ampiamente ieri su social network, radio e televisioni: noi qui non ti vogliamo"

Mi pare di averti detto che non rinnego nulla delle perplessità passate, mi sembra di aver scritto che è riuscito a suon gol a farsi amare da un pubblico ostile. Tu hai parlato di guerra. La guerra non si è fatta nemmeno per il passaggio di Ibra al Milan o Ronaldo. I fischi ci stanno, quanti calciatori hanno subito i fischi per meno ancora di questo? La guerra che dici tu sarebbe stata costringerlo ad andare via s furia di vessazini e quanto altro. Dopo due giornate di fischi, dopo le prime due partite il tifo è cambiato grazie anche all'atteggiamento di Candreva.Non trovo alcuna incoerenza tra il post che ho scritto, i commenti di risposta e il post di Lazio vs Milan che hai citato.

yashal ha detto...

*a furia di vessazioni