02 mag 2012

Qui Lazio: Stiamo precipitando, passo e chiudo. Lazio 1 Siena 1.

Lazio 1 Siena 1

Come si può dominare una partita e pareggiare? Si può. Lo fa la Lazio di Edoardo Reja. Un primo tempo in cui si creano la bellezza di 7 azioni pericolose ma nessuna buca la rete. L'azione più clamorosa è al 12°: Rocchi in area: tiro, respinta, poi il capitano ancora di testa e ancora respinta. Miracolo di Pegolo in porta. Poi Candreva tutto solo fa partire un bolide, respinto ancora dalla difesa bianconera. La dea bendata se la ride. Intanto Rocchi inizia a zoppicare e Biava prende un'ammonizione che gli farà saltare il prossimo match. La Lazio fa girare palla, gioca bene, meglio del solito e pochi minuti dopo sfiora ancora il gol: Punizione; Ledesma tira, Biava riesce a colpire di testa: fuori. I padroni di casa fanno possesso e si propongono in attacco ma non riescono ad essere incisivi. 
Il problema non è la buona volontà, su questo non si può rimproverare niente alla squadra ma come al solito la mancanza di giocatori di qualità in avanti. E' sempre la stessa questione: Una società che invece di rinforzare la rosa l'ha indebolita. La sensazione è che i biancocelesti non ce la facciano più, che siano arrivati con le batterie scariche. Con gli uomini contati d'altronde con chi bisogna prendersela?
Detto questo non sorprende che al  al 26° come nel peggiore degli incubi arriva la rete del Siena: cross di Rossi dal lato sinistro, Destro infila. 0-1. Debacle e disperazione. La Lazio è visibilmente nervosa, sbaglia molti passaggi facili. Si trasforma in un incubo quando Rocchi esce per infortunio e Ledesma si fa ammonire, anche lui come Biava salterà la trasferta di Bergamo. Il migliore in campo è Candreva ma da solo può fare ben poco, Kozak ci mette l'anima ma nessuno lo serve al meglio. Fischio finale, tutti negli spogliatoi. Che amarezza! Si che amarezza amici; restare una stagione intera al terzo posto dietro solo a Milan e Juventus e ritrovarsi  adesso in un mare di guai tra infortuni e senza quel posto in Europa che fino a poco tempo fa avremmo meritato senza discussioni. Nel secondo tempo la musica non cambia: Lazio in avanti, ci prova con tutte le forze rimaste. Candreva è impetuoso. Sono lontani i tempi delle polemiche sulla sua fede romanista. L'attaccamento alla maglia giallorossa non intacca la sua professionalità. E stasera anche il pubblico glielo riconosce. Applausi per lui. Il Siena di Sannino è visibilmente in difficoltà, fatica ad uscire dall'area di rigore. E a 17°l ci pensa lui: Candreva in area dribbla e salta due avversari, cade a terra, è calcio di rigore. Ledesma va dal dischetto ed è 1-1. Non basta. La Nord questo lo sa bene e allora canta a squarciagola: "Forza Lazio, non mollare, facci un gol". Si entra nell'ultimo quarto d'ora. Adesso si che un Hernanes in più, un Klose, Lulic, Brocchi avrebbero fatto comodo, avrebbero fatto la differenza. E torna quella sensazione di amarezza. L'Inter perde a Parma, l'Udinese raggiunge il Napoli a 58, noi no. Noi ci fermiamo qui. Ci congediamo definitivamente dalle speranze di conquistare l'Europa che forse senza tanti infortuni e tanta sfortuna avremmo meritato davvero, più degli altri. La Lazio non vince più. Lazio 1 Siena 1. Qui Olimpico, passo e chiudo.  

3 commenti:

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Peccato questo crollo finale, purtroppo l'incredibile numero di infortunati ha pregiudicato tutto e a questo punto non so neanche se quel paio di acquisti mancati a gennaio sarebbero serviti a qualcosa, ripeto un peccato perchè la vostra regolarità avrebbe meritato miglior sorte...ciao!

yashal ha detto...

Beh! Sicuramente una panchina più forte avrebbe risolto alcuni problemi. Pazienza sarà per la prossima vita, quando Lotito lascerà per forza di cose la Lazio.

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Bè yashal, visto la caterva d'infortunati mi sa che Lotito e Tare a gennaio avrebbero dovuti prenderne come minimo 5/6, per questo che dico che il mancato rafforzamento invernale non so quanto abbia potuto influire, davvero troppi, troppi infortuni...
Che poi il duo alla vostra guida a gennaio abbia "toppato" è fuor di dubbio ed è stato riconosciuto da tutti...ciao!