02 mar 2012

Consigli utili pre-derby

La Roma va aggredita per impedirle di costruire gioco, di far circolare la palla, e presa in velocità. Facendo così si spendono tante energie, però si riesce a creare più di un problema alla tattica dell’allenatore spagnolo. Il gioco che propone può anche risultare interessante, ma concede tanti spazi alle ripartenze avversarie. Colantuono aveva studiato e preparato la sfida nei minimi dettagli: eravamo compatti, aggressivi e pronti a verticalizzare appena recuperavamo il pallone». E' Guglielmo Stendardo a parlare. E dopo il match Atalanta-Roma vinto dai bergamaschi per 4 reti a 1, propone qualche consiglio utile alla sua ex squadra biancoceleste per fermare i cugini. Stendardo ha anche visto qualcosa di positivo nella brutta esibizione dei giallorossi. «Mi è piaciuto molto Borini, un attaccante difficile da marcare, bravo a tagliare alle spalle dei difensori. Non a caso è già arrivato in Nazionale. La squadra schiera anche giovani di valore internazionale che, in prospettiva, potranno dare corpo a un progetto stimolante». Il centrale nerazzurro, però, immagina una Roma diversa nel derby. «Luis Enrique potrà recuperare De Rossi e Totti, gli elementi di maggior spessore e personalità, i punti di riferimenti della squadra. E già basterebbe questo per capire che la Roma del derby avrà un’altra caratura, un’altra forza. Inoltre, mi aspetto che non commetta gli stessi errori tattici di Bergamo, quindi più attenta nella fase difensiva e decisa a riscattare la pesante sconfitta. Prevedo un derby equilibrato, sentito, caldo, magari deciso da un episodio. Spero che questo episodio favorisca la Lazio». Stendardo ha ancora un anno di contratto con la società biancoceleste, nella quale tornerà a giugno e alla quale conta di fare un altro favore. «Mi piacerebbe fermare l’Udinese, domenica al Friuli, per dare una mano ai miei compagni nella corsa al terzo posto».

2 commenti:

Danimanu1 ha detto...

Grande Yashal e al derby distruggiamoli!

yashal ha detto...

:)