26 set 2011

La Lazio si schianta contro un muro.




Lazio 0 Palermo 0
Non ci siamo. I biancocelesti giocano male e il Palermo senza Miccoli non è  da meno. In casa  non riusciamo a conquistare i tre punti, fischi a fine gara per una squadra che poteva fare molto di più. In campo confermati Cissè, Klose e Hernanes alle spalle. Due dei tre praticamente inesistenti per tutta la partita. E' una Lazio che gioca a tratti, e i rosanero assecondano l'andamento lento senza mai preoccupare Marchetti. Bene Diakitè e Lulic, pessimo Matuzalem. Altalenante Konko. Un primo tempo che non è degno di nota, nemmeno un tiro, il nulla assoluto, complice anche il gran caldo registrato a Roma. Nel secondo tempo fuori Cana dentro Brocchi e la Lazio sembra prendere coraggio. Manca la giusta energia ma Klose migliore in campo, regala giocate e cross da applausi. I biancocelesti insistono senza lucidità. Troppi errori da registrare. La squadra di Edy Reja sbaglia due clamorose occasioni: prima Klose si trova solo davanti a Tzorvas e si vede anticipare da Balzaretti, quindi al 20' il portiere greco anticipa Klose e di fatto serve la palla a Cissè, che a porta vuota calcia fuori. Il portiere bravissimo ancora: prima su Hernanes, poi su un rimpallo in area con deviazione di Pisano che poteva scavalcarlo. Ma sono solo fiammate in un macth che vede il punto nevralgico a centrocampo, dove si perdono gran parte delle azioni di entrambe le squadre. Il Palermo gioca una partita in difesa. E' un muro. I biancocelesti si divorano l'ennesima occasione: A tre minuti dalla fine, brivido per i tifosi rosanero. Cissè si inventa una giocata fantastica con una potente conclusione da fuori area, Tzorvas respinge e Klose non ribatte in rete. E ancora: Cross di Matuzalem in area di rigore, il tedesco sbuca alle spalle di Migliaccio e anticipa l'estremo difensore ma lo stop non è granchè, tenta allora un passaggio laterale e Brocchi spedisce fuori il pallone. Finisce 0-0 reti inviolate per una partita senza alcuna emozione. La Lazio accusa l'assenza di Mauri e Radu e rimanda l'appuntamento con i tre punti casalinghi. Giovedì c'è lo Sporting in Europa league e poi la Fiorentina in campionato. Ma la preoccupazione è che la squadra non reggerà entrambe le competizioni. Manca ossigeno  e la panchina non è in grado di fornire sostituti validi. Intervenuto ai microfoni di “Rai Sport” al termine della gara, il patron della Lazio, Claudio Lotito, ha rilasciato alcune battute per commentare il punteggio: “Il problema non è vietare il diritto di critica o l’informazione di stampa, ma la diffusione di notizie false o vecchie, che poi possono portare ad un condizionamento psicologico che possono portare ad atteggiamenti particolari. L’allenatore ce l’aveva con la critica non costruttiva che c’era intorno all’ambiente. Dalla seconda partita di campionato non si può arrivare a dire di dover cacciare l’allenatore per aver perso col Genoa, con cui mi pare ci abbiano perso diverse squadra. Le critiche vanno fatte con il modo ed i tempi giusti. Le partite si vincono o si perdono, oggi forse meritavamo di vincere. Nonostante cio’, abbiamo 4-5 infortuni che non ci hanno permesso di schierare la squadra al completo. Come si esce da questa situazione? Con un comportamento cosciente da parte di tutti e seguendo le linee deontologiche”. Ai microfoni di Sky è mister Reja invece a parlare: È doveroso ringraziare i tifosi, che oggi hanno sorretto la squadra fino all’ultimo. In risposta a una domanda sui fischi uditi dopo lo 0-0 con il Palermo all’Olimpico. Secondo il tecnico, “C’è sempre stata la partecipazione dei tifosi, anche oggi che il Palermo, squadra bene organizzata, ci ha fatto soffrire. “Abbiamo avuto diverse occasioni ma ci è andata male, ha proseguito Reja, secondo il quale la Lazio nel complesso ha retto molto bene anche se non sono arrivati i tre punti. Recupereremo, questa squadra può dare molto di più, ha concluso.

3 commenti:

Pigreco San Trader ha detto...

Il problema della Lazio è l'allenatore. Troppo vincolato al suo gioco e poco alla bravura dei singoli.Vedi il caso Zarate. Dunque la Lazio può essere una buona squadra da mezza classifica verso l'alto ma non da primi posti

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Strana partita, mai mi sarei aspettato uno 0-0 tra Lazio e Palermo...mi sta deludendo Hernanes, pensavo che alla sua seconda stagione potesse fare ancora meglio della prima, avrà mica anche lui quella strana sindrome che ha colpito Zarate???
Ciao!

Entius ha detto...

Il secondo tempo è stato molto aperto. Potevate vincerla ma anche perderla.
Avete un attacco esplosivo, peccato non riuscirlo a sfruttare a dovere...