18 set 2011

Finisce la benzina e la lazio si ferma.

Lazio 1 Genoa 2  
Lazio 1 Genoa 2. Prima Sculli poi Palacio e Kucka. I biancocelesti si presentano al loro pubblico nel peggiore dei modi confermando la scarsa condizione fisica già evidente contro Milan e Vaslui. Un quarto d'ora spaventoso che illude e disillude. La Lazio è da scudetto, si commenta sugli spalti, la Lazio vince l'Europa league. E poi? Poi succede che inizia a creare una dozzina di occasioni da gol mettendone a segno solo una. E una rete nel calcio italiano non può bastare per portare a casa il risultato soprattutto se dopo questa, la squadra cambia volto, ancora, di nuovo. Cissè e Klose devastanti nel primo tempo, spariscono nel secondo, così come Sculli autore della rete e Hernanes pessimo da inizio gara. Un attacco da Champion's league e una difesa da serie C non possono andare d'accordo. Così la squadra di Reja esce sconfitta dall'Olimpico per una serie di errori che portano a entusiasmare e rianimare i grifoni in evidente difficoltà nei primi 45 minuti. La gara: parte bene il Genoa che spaventa dopo solo un minuto di gioco: tiro di un soffio al lato di Costant. Ancora i rossoblu che vanno in profondità con un lancio lungo. Perfetto il colpo morbido di Veloso, ma Palacio sbaglia il pallonetto e mette fuori. Al 7' la Lazio parte in avanti: Lulic si propone spesso sulla fascia sinistra, qualche cross ma poco concreti. Un minuto dopo Klose sbaglia clamorosamente un colpo di testa a distanza ravvicinata. E' il preludio al gol. Azione di Klose dalla sinistra che salta il difensore e crossa al centro dove trova Sculli che anticipando Mesto in scivolata insacca. 1-0. I biancocelesti sembrano poter dilagare con gli irresistibili Klose e Cissè. Ma non è così. Spreca troppe occasioni per il raddoppio e pian piano il Genoa cresce. Nel secondo tempo è tutta un'altra Lazio. Uno squallore. Finisce la benzina e si ferma. La difesa fa acqua da tutte le parti, pessimo Konko e addormentato Dias. Nel Genoa Malesani fa la mossa giusta inserendo Jorquera, cileno dalle ottime qualità tecniche che con personalità trascina la squadra verso il pareggio prima e la vittoria poi. Al 53' Palacio scatta sul filo del fuorigioco su splendido assist di Jorquera e infila Marchetti in uscita. La Lazio è moribonda e il Genoa ferisce a morte. Colpa anche del brutto scontro tra Ledesma e Biava che causa l'uscita di quest'ultimo e la poca lucidità dell'argentino entrato al posto di Hernanes. I biancocelesti però non hanno più mordente e il Genoa trova la rete del definitivo 1-2 con Kucka su assist di Palacio. Fischi dell'Olimpico per una squadra che conferma tutti i suoi limiti strutturali.

8 commenti:

Entius ha detto...

La forma fisica, soprattutto ad inizio stagione, non è al top.
A ciò aggiungi qualche distrazione di troppo e la frittata è fatta.
Partite forti ma poi vi perdete per strada. Se riuscirete a correggere questo problema il più è fatto.

Orgoglio Nerazzurro ha detto...

Io non l'ho vista, se si tratta solo di condizione fisica non è preoccupante, forse lo è di più "una difesa da serie C"; comunque essendo la seconda giornata ancora non mi preoccuperei.
Un saluto.

Teste di Calcio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Teste di Calcio ha detto...

Siamo d'accordo sul fatto che i campioni siano soprattutto in attacco, però è anche vero che se avessero concretizzato di più, forse il risultato sarebbe stato messo al riparo.

Auguri per la stagione, in effetti siamo solo all'inizio.

Presto faremo anche noi uno speciale sulla Lazio!


Teste di Calcio

Vincenzo ha detto...

Penso sia stato solo un passo falso per voi.

Ciao Yashal!

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Se già al 18 di settembre ci sono questi crolli fisici a dicembre che ne sarà della Lazio?
Mi auguro che più che altro sia una questione di equilibri tattici, Reja dovrà sforzarsi di trovare la giusta quadratura del cerchio...ciao!

Reyjam ha detto...

Grazie per i complimenti. Per quanto rigurda Gasp , probabilmente hai ragione.

Reyjam.

LeNny ha detto...

Al contrario di noi, penso che il vostro sia stato un passo falso.

Ciao bella. :)

LeNny