06 lug 2011

Presidente siamo con te!!!

Dopo tre lunghi anni di udienza, si chiude così il processo sul dissesto da 1.125 milioni di euro della società Cirio. Il tribunale di Roma condanna a 9 anni ( la richiesta di condanna era di 15 anni) l'imprenditore ed ex presidente della Lazio Sergio Cragnotti e il suo principale finanziatore a 4 anni (8 anni era la richiesta). Nelle maglie della giustizia erano finiti anche i collaboratori dei due principali indagati e, in parte, oggi (ieri, ndr) condannati: il genero di Cragnotti, Filippo Fucile (4 anni e 6 mesi) ed i figli dell’ex patron del gruppo agroalimentare Andrea (4 anni), Elisabetta (3 anni) e Massimo (3 anni). Condannato anche l’ex dirigente della Banca di Roma Antonio Nottola (3 anni e 6 mesi). Dei 35 imputati circa una decina sono stati assolti. Tra loro l’ex ad della Banca Popolare di Lodi, Giampiero Fiorani, e Flora Pizzichemi, moglie di Cragnotti. Bancarotta fraudolenta, preferenziale e distrattiva, oltre a truffa, i reati per i quali la procura ha proceduto. Il tribunale ha, inoltre, inflitto a Unicredit in qualità di responsabile civile, ed agli imputati condannati di pagare 200 milioni di euro come risarcimento in via provvisionale all’ amministrazione straordinaria del gruppo agroalimentare. “Resto tranquillo perché continuo a ritenere di avere agito correttamente, nell’ambito delle risponsabilità statutarie, esercitando il compito proprio naturale, del banchiere, senza commettere alcun illecito – ha commentato Geronzi – diversamente, in casi della specie, la funzione di ogni banchiere resterebbe paralizzata. Confido che in sede di appello come già è accaduto in una altra circostanza del genere, l’ulteriore ponderata riflessione consentirà di fare piena chiarezza e di riconoscere l’assoluta non colpevolezza del mio comportamento”.

Dal canto suo il legale di Sergio Ccragnotti, l’avvocato Massimo Krogh ha commentato la sentenza affermando che “siamo in presenza di una pena modesta rispetto alle richieste avanzate dai pm. Speriamo di poter in appello portare avanti le nostre ragioni perché il reato di bancarotta si può consumare anche in un singolo episodio”. Lo stesso Cragnotti, nel preannunciare ricorso in appello, ha espresso sollievo per il ridimensionamento delle posizioni a carico dei figlio e del genero nonché dell’assoluzione della moglie Flora Pizzichemi. Il processo ha riguardato presunte irregolarità legata ad un giro imponente di operazioni finanziarie, che per l’accusa, hanno generato entità ingenti di crediti.

Nessun commento: