15 apr 2011

Catania - Lazio, probabili formazioni


E' la giornata di Catania - Lazio. Due squadre ancora in lotta per obiettivi diversi, ma della stessa importanza. I siciliani cercano punti salvezza - anche se con meno affanno rispetto ad altre squadre - i biancocelesti vogliono mantenere il quarto posto. Considerando anche il fatto che domenica sera ci sarà lo scontro tra Udinese e Napoli, con i friulani, senza Sanchez e molto porobabilmente anche Di Natale, che potrebbero non riuscire a fare bottino pieno.
Poche storie. E' una partita da vincere, quella contro il Catania. Squadra solida, difficile da affrontare, che tende a far giocare male gli avversari. Formazione sudamericana, argentina per la precisione. E in panchina c'è un certo Simeone. Idolo indiscusso della Curva Nord. Personaggio mai dimenticato dall'ambiente laziale. Quattro stagioni di alto livello. Uno dei senatori di quella squadra firmata Cragnotti e messa in campo da Eriksson  che nel 2000 vinse il tricolore.
"El cholo", è stato uno dei più forti centrocampisti che hanno giocato nel campionato italiano. Dotato di grande carisma e forza fisica. Un giocatore capace di difendere e di farsi trovare pronto in zona gol. Suo quel gol alla Juventus, al Delle Alpi, che permise alla Lazio di mettere un mattone importante per lo scudetto. 89 presenze e 14 gol. Questi i suoi numeri in binacoceleste. Insieme a Veron ha constituito la coppia di centrocampo più forte degli ultimi 20 anni. Per i tifosi è stato un modello a cui tutti gli altri giocatori si sarebbero dovuti ispirare. Un cartello in Curva nord diceva: "In campo 11 Simeoni". Giusto per capire. Quando, tre anni fa, Delio Rossi annunciò che non sarebbe rimasto in panchina, la piazza chiese a Lotito "El Cholo" come suo successore. Uno che ha la Lazio nel destino.
«I biancocelesti hanno un organico eccellente - ha detto l'allenatore del Catania - simile a quello dello scorso campionato con l'aggiunta di Hernanes, giocatore che ha innalzato il tasso tecnico di una squadra già forte. Floccari è un altro elemento temibile, Zarate sa essere devastante negli spazi. Ci sarà da lottare contro un avversario difficile. I miei trascorsi? Non li dimenticherò mai, come porto sempre nel mio cuore l'affetto dei tifosi e la conquista dello scudetto. Quella nella Lazio è stata l'esperienza più importante da calciatore in Europa. Domenica, però, non ci potrà essere spazio per i sentimentalismi. Il mio Catania è chiamato a dare il massimo per conseguire tre punti fondamentali in chiave salvezza. E io non firmo per un pareggio, assolutamente».
Sentimenti a parte Reja si prepara alla sfida del "Massimino" con l'indisponibilità del solo Matuzalem. Formazione tipo, dunque, con Floccari favorito su uno Sculli, apparso in calo, nelle ultime uscite.
Sarà una sfida complicata. Da under. Bisognerà sfruttare le poche occasioni che il Catania concederà. Un punto ai rosso azzurri basterebbe anche per mantenere la zona pericolo distante. Alla Lazio no. Vedremo. A Catania per continuare il sogno Champions.

Probabili formazioni:

Catania (4 - 4 - 2): Andujar, Alvarez, Terlizzi, Silvestre, Capuano - Carboni, Lodi, Schelotto, Ricchiuti - M. Lopez, Bergessio. All: Simeone

S.S. Lazio (4 - 2 - 3 - 1): Muslera, Lichtsteiner, Dias, Biava, Radu - Ledesma, Brocchi - Mauri, Hernanes, Zarate - Floccari. All: Reja

1 commento:

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Catania è sempre un campo caldo, in tutti i sensi, ma se la Lazio riuscirà a ripetere l'ottima prestazione del San Paolo può fare bottino pieno, e sarebbero tre punti d'oro...ciao!