28 feb 2011

Sciagurato Dias! Cagliari batte Lazio 1-0.

 Cagliari 1 Lazio 0
E' successo di tutto in questa giornata di campionato: il clamoroso 0-7 dell'Udinese a Palermo e successivo esonero di Delio Rossi, la vittoria del Bologna in casa della signora bianconera e il pareggio sul finale di partita con doppietta di Amauri a discapito della Roma. Conferma il terzo posto l'Inter in attesa del big match Milan vs Napoli. Che la Lazio non fosse destinata alla vittoria dello scudetto si era ben capito sin dai tempi della permanenza in vetta alla classifica quando tutti la consideravano poco temibile e si concentravano sul quinto posto dei nerazzurri o sulla scalata della Roma o della Juventus. Oggi addirittura si rischia di non raggiungere la Champion's league. Per una qualche ragione l'Udinese di Guidolin è a un passo dal quarto posto mentre i cugini "rosicchiano" punti di settimana in settimana. Piccola con le piccole? assolutamente sì. Sono proprio le sfide contro Lecce, Bologna, Cesena e Cagliari a penalizzare i biancocelesti, togliendole l'emozione della vetta e (quasi) dell'Europa. Al Sant'Elia l'atomosfera è tesa, nervosa. La Lazio entra in campo consapevole delle difficoltà che l'attendono, il Cagliari è un avversario ostico, difficile da battere. Nel primo tempo i padroni di casa sono letteralmente chiusi nella morsa laziale. Come un ragno la Lazio tesse la sua tela sperando di soffocare le qualità sarde il prima possibile. Ci riesce per ben 40 minuti di gioco. In campo Hernanes e Ledesma mettono scompiglio a cantrocampo inventando lanci e assist perfetti ma ahimè! lì davanti Kozak, molto affaticato, non riesce a concludere come vorrebbe. Fa a sportellate con i difensori sardi però non si rende mai pericoloso nell'arco dei 90 minuti. Impalpabile sia in fase offensiva che di ripiegamento Giuseppe Sculli. Nel secondo tempo Floccari entrato solo nei minuti finali tocca più palloni di lui. Nella prima mezz'ora è solo Lazio: Hernanes ci prova su punizione contro Agazzi ma senza fortuna e poi cerca di innescare Kozak che parte spesso in offside. Questa giornata porta una certezza in casa laziale: Lichtsteiner non è in grado di crossare, ha ben quattro occasioni per innescare la bomba Kozak ma sbaglia clamorosamente.  Gli uomini di Donadoni guadagnano terreno e al 40' arriva la doccia fredda: Biava sbaglia il fuorigioco su un lancio dalla lunga distanza, Acquafresca si ritrova a tu per tu con Berni, diagonale debole che scavalca il portiere ma non Dias che però inciampa e sospinge in rete per l’1-0. Sfortunata Lazio, sfortunatissimo Andrè Dias. Un autogol carambolesco. Nella ripresa c'è un Cagliari decisamente più motivato ma non è in grado di chiudere la partita grazie anche ad una difesa attenta nonostante la beffa sul finale del primo tempo. Al 12’ un lampo della Lazio, Ledesma dribbla ottimamente al limite dell’area e scarica un destro siderale che Agazzi respinge malamente, tap-in di Kozak che mette a lato di testa da due passi. I ragazzi di Edy Reja spingono sempre di più perchè vogliono la vittoria, i tre punti champions. Ma un pizzico di sfortuna e l'assenza di un centravanti di peso oggi si sentono più che mai. Non succede nulla di eclatante fino al all'arrembaggio biancocelesti negli ultimi 5 minuti: corner di Ledesma, il portiere respinge con i pugni il più lontano possibile, c'è tempo solo di confermare Floccari al posto di uno spento Sculli. La Lazio torna battuta per uno sfortunato autogol. Adesso il Palermo del neo allenatore Serse Cosmi.

4 commenti:

Vincenzo ha detto...

Certo che sfortuna l'autogol di Dias.

Rifatevi domenica prossima!

Un saluto, Vincenzo.

marco99 ha detto...

brutta domenica per entrambi.. a noi (juve,lazio) ma un goal in fuorigioco convalidato, mai un rigore regalato, mai un golletto di mano passato in cavalleria... e va bè.
sappiamo dove risiede il potere di palazzo del calcio italiano.
un saluto.

Francesco ha detto...

peccato, match sfortunato... il cagliari lo ha portato a casa tirando solo una volta in porta...
in trasferta alla lazio manca ancora quel qualcosa in più, ieri nn ho visto benissimo kozak, ma è normale che abbia un calo, mentre floccari, quando è entrato è apparso in buonissime condizioni...
cmq il palermo cosmi o non cosmi ora come ora sembra una squadra allo sbando, se la lazio giocherà come sa fare dovrebbe vincere...ciao

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Salvo clamorose rimonte di Juve e Roma per il quarto posto vi attende un testa a testa con l'Udinese anche se i friulani al momento paiono inarrestabili, dovrete tenere duro...ciao!