02 feb 2011

Milan 0 Lazio 0. Sfortunato Milan? Non credo.



 Milan 0 Lazio 0
E stamani i giornali scrivono di un Milan sfortunato e orfano a centrocampo. Sfogliando qualsiasi testata giornalistica l'impressione è quella di una partita giocata dal Milan contro  pali, sfortuna, contro se stesso, insomma. I giornali e le trasmissioni satellitari, forse, avranno visto questa partita, o meglio questo povero Milan contro la sorte. Cari lettori, avete presente quando in televisione vorreste ribattere a un commento ma non ne avete la possibilità? beh! io di partita ne ho vista un'altra ed ora voglio e posso rispondere: La Lazio scende in campo senza Floccari, Zarate e Mauri. Con Rocchi infortunato l'alternativa è Sculli, spento e ancora fuori forma. I biancocelesti soffrono ma è inevitabile perchè il Milan (senza centrocampo) è guidato da nomi che hanno fatto la storia degli ultimi anni di calcio, la Lazio, da colui che la sua storia deve ancora scriverla: Libor Kozak. Lotta, il giovane cecoslovacco, prende gomitate e le restituisce, si trova davanti a Yepes, Nesta, Legrottaglie ma poco importa, lui c'è e gioca bene al pallone. Il primo tempo non è facile per le aquile perchè Robinho e Ibrahimovic ripartono in contropiede e in quel caso solo Muslera ci salva dal gol. La Lazio resiste, si resiste perchè non è la Lazio di qualche mese fà. Hernanes sembra non avere più quello sprint, quell'agilità che lo conduceva sempre di fronte la porta avversaria, dove nell'uno contro uno diventava imbattibile. Altra delusione è Ledesma; poco e niente, perde molti palloni e i suoi cross non sono decisivi. Per il resto la Lazio è viva, soprattutto la difesa che gioca bene. E' vigile sulle azioni rossonere e non si lascia sorprendere mai. D'altronde la difesa biancoceleste è tra le meno battute del campionato. Hanno parlato di un Muslera fortunato quando Biava ha salvato sulla linea un tiro di Robinho oppure in occasione del doppio palo colpito da Zlatan Ibrahimovic. Voglio ricordare a questi pseudo giornalisti sempre più timidi nello scrivere delle squadre così dette grandi che solo qualche partita fa il portiere della Lazio aveva subito un gol carambolato per sbaglio sulla sua schiena, ma quella era stata chiamata papera, giusto? non sfortuna. Secondo o primo tempo non fa differenza; la Lazio si difende e prova lente ripartenze, il Milan ha semplicemente un Ibrahimovic in più. I rossoneri sprecano tante occasioni. Nel primo tempo ci prova Flamini al 21' ma il francese tira alto. Nel secondo tempo,  al 51', appunto, lo svedese colpisce entrambi i pali con un tiro da fuori. Finisce 0-0 risultato giusto, ricordandovi che il Milan ha giocato contro la Lazio non contro se stessa. Reja nel post-partita ha dichiarato:Per fare punti a San Siro bisogna avere anche un po’ di buona sorte. Abbiamo sofferto, la qualità del Milan la conosciamo, ma abbiamo fatto una buona partita sul piano difensivo. Dall’altro lato avevamo parecchi infortunati, Sculli non è ancora al 100% e otto su undici avevano giocato due giorni fa; recuperare diventa quindi difficile. Ma torniamo a casa con un punticino che ci fa molto bene”. L’allenatore friulano ha poi voluto difendere il suo attaccante Kozak, che in maniera non volontaria ha mandato Ko due difensori del Milan (Bonera e Legrottaglie) “Non l’ha fatto apposta, lui non ha l’agilità di Ibra, non ha avuto in tempo per tirare via il piede. Sono incidenti che possono succedere, lui è buono d’animo, in allenamento gli dico sempre di essere più cattivo”. Adesso ci attende il Chievo, sperando di recuperare Floccari.

9 commenti:

alfredo ha detto...

Grande Prova di carattere! Ritrovato quell'equilibrio indispensabile per una squadra come la lazio che deficita negli stoccatori. Grande difesa e ottimo centrocampo anche se ho visto troppi 5 soprattutto gonzalez che secondo me sta diventando un giocatore importante. Kozak ha dimostrato che se molti dei suoi compagni avessero la sua grinta e la sua voglia di sbaraccare tutto e tutti forse non avremmom perso 4 derby di seguito e forse avremmo qualche punticino in più!

Ora domenica tutti allo stadio sta squadra ha bisogno del nostro sostegno! forza alè la lazio!

4EverInter ha detto...

Non credo sia uno scandalo la prestazione della Lazio che ha messo in campo i mezzi che aveva a disposizione.Il Milan giocava in casa é primo in classifica e ci sta che abbia pressato per tutta la partita.Pessimo arbitraggio per entrambe le sqaudre anche se effetivamente Kozak ha usato un po troppo i gomiti,piú che altro in po troppo vistosamente anche se ne ha prese tanbte di botte meno platealmente.In altre occasioni per molto meno si sono visti rossi o prove televisive.Ma va bene cosí ,l'arbitro avrebbe potuto essere un po piú fiscale ma non é stato nessuno scandalo.

JUVE 90 ha detto...

ho la vaga impressione che Kozac in carriere collezionerà più cartelli che gol :)

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Mah...dagli highlights è sembrata una gara quasi a senso unico quindi non so se lo 0-0 possa essere definito un risultato giusto e poi avere un pò di fortuna non è mica un reato...soffrire a San Siro ci sta quindi questo è un punto che vale oro e che vi permette di dare continuità alla vittoria contro i viola...ciao!

Entius ha detto...

Non ho visto la partita ma dai commenti mi è sembrato di capire che si è giocato a senso unico, il Milan ha fatto la partita.
Ora, probabilmente i rossoneri sono stati sfortunati (peccato che nessuno sottolinei quando è fortunata) ma se non ha segnato è anche merito della Lazio che gliel'ha impedito.
Ma figuriamoci se i giornalisti sototlineano i meriti della Lazio...

http://calciorum.blogspot.com/

Entius ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
yashal ha detto...

;)

marco99 ha detto...

I passi falsi di milan e napoli vi hanno di nuovo rilanciato per qualcosa di importante.
Credeteci.
Nulla è deciso, il napoli alla fine scoppierà e il milan farà altri passi falsi.
Cercate di rimanere in scia.

un saluto

Vincenzo ha detto...

Ciao yashal, avevo previsto e vi avevo augurato di portare a casa almeno un punto. Missione compiuta.

Poi come è arrivato è arrivato sto punto, chi se ne frega.

Ciao.