08 nov 2010

Oh! hai visto il derby? sì, doppietta di Morganti...

Lazio 0 Morganti 2
Che sia chiaro. Se c'è una squadra ad uscire ridimensionata dal derby di Roma questa non è la Lazio.
Si, proprio la Lazio, sconfitta 2 a 0 in casa da una squadra composta da 12 giocatori. No, non sono le solite e banali polemiche da bar,  ma la nuda e cruda verità.
  A questo - comunque -  ci ariveremo tra poco.
Dicevamo e lo sottolineo anche, che la Lazio non esce - assolutamente - ridimensionata dalla sfida contro i cugini. E questo per una serie di ragioni che convinceranno anche quelli che non hanno visto la partia, perchè, quelli che l' hanno vista non possono avere nessun problema ad affermare che oggi la Lazio ha perso immeritatamente. Ci fosse stato un arbitro di calcio e non un tifoso di testaccio a dirigire la gara, il punteggio finale, con molta probabilità, sarebbe stato diverso.
Ma stiamo, pur sempre,  parlando di pallone, e si sa, alla fine, quello che conta veramente, brutalmente, è solo il risultato. Nient'altro. E non importa quasi mai a nessuno come hai raggiunto quella stessa vittoria. Se l'hai meritata o no, oppure - come accaduto quest'oggi - hai avuto dalla tua parte in una partita combattuta e sospesa su un filo (come era facilmente prevedibile), dove una delle due squadre avrebbe potuto segnare dal nulla, un arbitraggio totalmente imparziale che ha trasformato tutti gli episodi a tuo favore. Solo a tuo favore.
Il calcio è così. Quando c'è equilibrio, soprattutto a questi livelli, a spezzarlo ci pensano i dettagli, gli episodi.
E quando - tra due squadre -  le situazioni, le stesse identiche situazioni  vengono valutate - tutte, ma proprio tutte per davvero - in modo imparziale, è inevitabile non perdere la gara.
Come dovresti fare altrimenti? Come?
Se tu fai fallo di mano e l'arbitro fischia il rigore e poi lo fa il tuo avversario e l'arbitro non fischia il rigore e poi sempre l'avversario ad un centimetro dalla porta viene platealmente buttato giù e l'arbitro non da rigore e poi il tuo avversario commette fallo di mano e l'arbitro ancora non da rigore, allora come fai a vincere? Come ti ribelli a tutto questo?
Non solo, perchè Cassetti ammonito, andava riammonito in almeno altre 4 circostanze, perchè il secondo rigore della Roma nasce da una chiara spinta di Baptista su Stendardo. E non rispondetemi, come ho sentito dire a Ranieri, con il fuorigioco di Dias o il gol annullato a Greco, perchè sono argomenti che non reggono di fronte alla palese e SCANDALOSA direzione di gara di Morganti.
Ma questo ormai è passato e i giornali titolavano già "Cuore Roma".... ma cuore di cosa, mi chiedo io?
La verità è che una partita che doveva finire in parità è stata vinta da una squadra che ha commesso gli stessi errori della Lazio (fallo di mano e attarramento in area) che a differeza di quelli dei biancocelsti, non sono stati puniti con il rigore.
Questo ci porta ad una domanda: perchè Morganti ha commesso quegli "errori"?
Le risposte sono 2. E l'una esclude l'altra.
Morganti è un incapace, un arbitro pessimo assistito da guardalinee mediocri che non conoscono le regole del calcio...
Oppure Morganti è in malafede e a qualcuno, qualcuno di potente là in alto, la Lazio comincia a dar fastidio...
D'altronde non mi stupirei di questa seconda ipotesi: siamo in Italia, il paese della corruzione ed ogni settore ne è infetto, figuriamoci il calcio, dove girano milioni e milioni di euro.
Ma questo è un discorso troppo lungo e forse (perchè abbiamo il dovere di credere che non si così) anche esagerato.
In fondo siamo tifosi, crediamo al caso e che le partite si vincano per merito. Abbiamo bisogno di pensare così, altrimenti sarebbe tutto un grande imbroglio, pilotato dall'alto, una fiction. Il niente.


Per quest'ultima considerazione, non ci rimane che optare per la prima ipotesi: Morganti è un incompetente e come tale non dovrebbe più arbitrare.
Discorso arbitro a parte (che è però l'unico motivo per cui la Lazio ha perso il derby) che dire della partita? L'unico rimporvero che si può fare ai ragazzi di Reja è quello di aver sprecato 45' minuti. Un intero tempo, letteralmente regalato alla Roma. Problema di testa. Le gambe tremavano ed erano imballate. Paura la chiama qualcuno, di prendere gol subito in un derby e dare al tuo avversario un vantaggio psicologico notevole. Così non è successo, nonostante le gambe bloccate i biancocelesti hanno comunque creato qualcosa,  e sull'assa Mauri - Rocchi anche l'occasione più nitida del primo tempo. Nella ripresa entra Zarate. Gli fa spazio Rocchi, anonomo fino a quel momento, e la squadra sembra giocare con un altra carica. Poi l'episodio che cambia il match: il fallo di mano di Lichsteiner, quindi la rete di Borriello (dopo un tiro che Muslera aveva praticamente parato) e la grande reazione della Lazio.
Si grande reazione, da grande squadra qual'è. Altro che storie. Altro che risultato o rigori dati, alla faccia di Morganti e dei potenti. La Lazio, in svantagigo di un gol, ha preso in mano la gara e ha messo sotto la Roma. Lo ha fatto con ordine e con la pazienza dei veterani. Con tecnica e precisione. Ma sulla sua strada ha trovato centimetri di troppo e un arbitro incapace.
I centimetri: sul tiro di Hernanese parato con la testa girata da Julio Sergio o la traversa di Foggia.
L'arbitro, ah ah ah ah l'arbitro....
Certo, anche la Roma ha preso un palo, ma chi ha visto la partita ha capito bene: non stiamo parlando dello stesso palo. Ad un certo punto c'è stato un vero e proprio assedio, ma il gol del pari non è mai arrivato...
 E non è arrivato perchè sia chiaro a tutti, anche ai neofili del risultato, il SIGNOR MORGANTI HA COMPLETAMENTE FALSATO IL DERBY DI ROMA DI FATTO CONSEGNANDO E REGALANDO CON DUREZZA, FIEREZZA E DECISIONE LA PARTITA ALLA ROMA FISCHIANDO A FAVORE DEI GIALLOROSSI DUE RIGORI E NEGANDO ALLA LAZIO ALTRI TRE RIGORI PER FALLI NETTAMENTE PIù EVIDENTI. LA LAZIO ESCE SCONFITTA DAL DERBY, UNICAMENTE PER QUESTA RAGIONE.
E' UN INGIUSTIZIA.
E' UNA VERGOGNA. UNA VERGOGNA. UNA VERGOGNA. CHE IL LAVORO DI UNA SETTIMANA DI UNA SQUADRA, DI UN ALLENATORE VENGA INFANGATO COSì DA UN PERSONAGGIO COME MORGANTI.
E' UNA VERGOGNA CHE MIGLIAIA DI TIFOSI BIANCOCELESTI VENGANO PRESI IN GIRO IN QUESTO MODO NELLA PARTITA PIù IMPORTANTE DELLA STAGIONE.

NO. Non è mai troppo, è giusto che si sappia a chiare lettere perchè la Lazio ha perso il derby.
Se c'è una squadra una squadra ad uscire ridimensionata dal derby di Roma, questa non è la Lazio. Che sia chiaro veramente. Il primo posto in classifica è ancora biancocelste e mercoledì c'è subito un altra partita per lasciare la stracittadina alle spalle.
Non sarà facile, però. Anzi, i prossimi tre giorni saranno, forse, quelli più importanti di tutta la stagione. Il post derby non è mai semplice, sia che vinci, sia che perdi. Il derby "è la partita" è quindi ti toglie energie psico fisiche notevoli. E' difficile superare la sbornia e ripartire. Soprattuto a Cesena contro una formazione assetata di punti. Ma è in queste occasioni che si vede la grande squadra.
La Lazio di Reja, nel derby più scandaloso della storia, ha dimostrato di poterlo essere, di poter diventare grande, l'occasione è di quelle ghiotte, tre giorni cosa saranno mai, per confermare il primato, continuare a vincere e meditare (mancano solo altre 18 giornate) una spietata vendetta contro la Roma.
Andassero pure a festeggiare, ora, i giallorossi, che quest'anno, visto l'andazzo, per vincere hanno solo bisogno dell'aiuto degli arbitri.
La Lazio, statene certi, si rialzerà, prima di quanto possiate immaginare.
Stia tranquillo Ranieri, non siamo un fuoco di paglia. E oggi lo abbiamo dimostrato anche a lui.
Intanto l'aquila continua a volare.
E il bello, state certi anche di questo, deve ancora cominciare.

7 commenti:

Vincenzo ha detto...

Mi spiace yashal per come sia andata. Perdere un derby per due rigori deve essere troppo frustrante!

Cmq penso che i rigori per la roma ci siano entrambi, mentre lo scandalo vero è sul rigore di Mauri non fischiati che andava sanzionato (mi pare per regolamento) con l'espulsione di riise.

Ma pazienza, sappiamo come funziona in italia...

Ciao.

Benedetta ha detto...

Buongiorno,

il mio nome è Benedetta e faccio parte dello staff del sito di Smilla ( http://smillamagazine.com/sport/ ), un aggregatore che offre una rassegna stampa quotidiana degli articoli pubblicati su siti di informazione e blog inerenti il mondo dello sport.

Mi permetto di contattarti dopo aver scoperto il tuo blog , che contiene articoli che rispondono perfettamente ai nostri criteri di pubblicazione e che quindi potrebbero essere inseriti nel nostro sito.

Il funzionamento di Smilla è molto semplice: una volta che un blog si iscrive sul nostro sito estrapoliamo per ogni articolo pubblicato un brevissimo snippet o breve riassunto che dir si voglia, del testo, pubblicando così una notizia incompleta che può essere letta nella sua versione integrale, seguendo il link apposto alla fine.

Ti ricordo che gli aggregatori di notizie  sono un prezioso strumento per accrescere la popolarità di ciascun blog citato poichè includono sempre un link diretto al post originale generando visibilità, popolarità e traffico. Ogni articolo aggregato su Smilla appartiene al legittimo autore e ne viene comunque indicato il link per risalire al post originale. In nessun caso SMILLA pretende di rubare contenuti altrui, ma spera di offrire un servizio d'informazione organizzata e sistematica per velocizzare la diffusione e la propagazione dei contenuti stessi. 

Sperando che il progetto di Smilla possa interessarti, rimango a disposizione per qualsiasi dubbio o richiesta di informazione.

Per l'iscrizione su Smilla è sufficiente compilare il modulo raggiungibile all'url: http://smillamagazine.com/sport/aggiungi_sito.aspx

Cordialmente

Benedetta S.

P.S: scusa per aver utilizzato il form dei commenti ma non ho trovato una sezione contatti

4EverInter ha detto...

Una botta al cerchio e l'altra alla botte....e cosí ha vinto la Roma....anche se devo dire che la lazio dipende troppo da hernanes...quando é giú di tono ne risente tutta la squadra....Forse se partiva Zarate dall'inizio era un'altra musica......

4EverInter ha detto...

zarate al posto di rocchi chiaro.....

LeNny ha detto...

Oltre agli episodi che tutti hanno visto, tranne Morganti, la Lazio è stata parecchio sfortunata. I pali tremano ancora adesso.

Ciao Yashal. :)***

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Mannaggia yashal ti sento incazzata come non mai...meglio che non scriva una cosa altrimenti mi banni:-)
Torno sulla partita che non ho visto ma sentendo qua e la confermo quello che hai scritto e cioè che la Lazio nel primo tempo è stata troppo attendista...
I due rigori per la Roma mi sono sembrati evidenti così come quello su Mauri...
Una sconfitta comunque che non vi ridimensiona affatto e già mercoledì a Cesena avrete la possibilità di ripartire...ciao!

Entius ha detto...

Non ricordo di avere mai letto un tuo post così aspro e critico.
Ho visto la partita a tratti però è sembrato chiarissimo come Morganti abbia indirizzato la partita verso certi binari(e non è la prima volta, ricordate Roma-Inter dello scorso marzo?).
Che poi sia esclusivamente colpa dell'arbitro se la Lazio ha perso non lo so.
Il primo tempo mi pare che abbia fatto più la Roma che la Lazio.
Vabbè, è andata come è andata. Bisogna guardare avanti. La Lazio, al contrario della Roma, ha le potenzialità per disputare un campionato da protagonista.