16 set 2010

Stefano Mauri: "Lazio a vita"


La vittoria per 3-1 sul Bologna è soprattutto merito suo. Parliamo di Stefano Mauri; che solo pochi giorni prima che terminasse il mercato era pronto alla partenza, destinazione Sampdoria. Nella conferenza stampa tenutasi a Formello, il centrocampista biancoceleste ha spiegato le motivazioni che lo hanno portato a dire un secco NO! al trasferimento in maglia blucerchiata: “Quello che è accaduto è molto semplice. Contro la Sampdoria non sono sceso in campo e nonostante non ci fossi rimasto bene, dal mio punto di vista non c’era problema. Il giorno dopo è arrivata la richiesta della stessa Sampdoria ed io con il mio procuratore abbiamo contattato la società per capire il loro punto di vista. Quando il presidente ha ribadito che ero incedibile sono stato molto felice. Sono contentissimo di essere rimasto, anche se è normale che a Genova c’ero rimasto male”. Sul momento della squadra: “Dobbiamo essere tutti intelligenti a capire il momento della stagione, siamo tanti e giochiamo in una squadra importante. Se si vuole ambire a tornare ai primi posti serve una rosa ampia. E’ chiaro che non avendo la possibilità di giocare in Europa ci sono poche partite disponibili, ma dobbiamo tornare ai livelli che spettano alla Lazio. Più siamo e meglio è. Come stanno vivendo Matuzalem e Zàrate questo momento? Bene, magari sono un po’ sottotono, ma durante gli allenamenti si impegnano e questo è una buona cosa. Faranno presto vedere le loro potenzialità. La partita disputata domenica ha mostrato un Mauri in grande forma. Capace di distribuire assist e di mettere la palla in rete al momento giusto. Se continua così la squadra ha buone possibilità di ambire a posizioni di maggior livello. Intanto Stefano Mauri ha prolungato il suo contratto fino al 2014. A questo punto è un bene per la prima squadra di Roma.

2 commenti:

LeNny ha detto...

Ciao Yashal. Forza Lazio. :)

Un salutone.

LeNny.

marco99 ha detto...

Ovviamente le vittorie fanno sempre morale e gruppo!
ciaoo