13 set 2010

Buona la prima all'Olimpico

Lazio - Bologna 3 - 1
Non è mai facile vincere quando incontri squadre che pensano esclusivamente a difendersi. Come il Bologna, oggi pomeriggio. Ed infatti non è stato facile scardinare la difesa emiliana e regalare all'Olimpico i primi tre punti stagionali. Un successo firmato Mauri, Rocchi, Hernanes. La qualità, i migliori in assoluto della partita.
Aspettando il risveglio di Zarate (Reja, a fine gara, a tal proposito ha detto che il problema di Maurito è l'autostima:«Quando sbaglia si abbatte subito - ha anche aggiunto - Deve lavorare sulla testa») e il rientro di Floccari, sono loro tre a far fare alla squadra il salto di qualità. C'è il loro zampino su tutti i 3 gol che hanno steso il Bologna. Reti arrivate nella ripresa, però, dopo un primo tempo passato a cercare, più che latro, il bandolo della matassa e il modo giusto per sbrigliare il muro difensivo alzato dalla squadra di Malesani. Dieci - dico dieci - uomini dietro la linea della palla, con il solo Di Vaio isolato là davanti. Si capisce che non è mai facile per l'altra squadra anche solo creare una qualche minima occasione da gol. Così aumentano i tiri da lontano (Ledesma e un paio di Hernanes), aumentano i falli, aumentano i cross (inutili se là davanti non c'è un ariete) e di conseguenza il nervosismo. Non si sa davvero - passatemi la frase - che pesci pigliare...
La Lazio, però, nonostante un primo tempo a dir poco frustante, comincia la ripresa con la giusta concentrazione. Sbollita la frustazione negli spogliatoi, i biancocelesti rientrano in campo con una novità: Kozak al posto di Zarate. L'ariete che mancava.
Sostituzione necessaria, considerando anche il fatto che Maurito, fino a qual momento, aveva disputato 45 minuti anonimi. Fatti di dribbling sbagliati e niente più. Chiaramente vittima di chissà quale demone nella testa che lo fanno sembrare solo un lontanto parente di quello ammirato meno di due anni fa. Condizione psicologica che l'argentino, suo malgrado, si porta con sè ormai da troppo tempo. La disastrosa stagione passata, per lui, sembra non essere mai terminata.
Con Kozak (grande fisico e buonissima protezione del pallone) la Lazio alza il baricentro di gioco e trova una valida alternativa al fraseggio iniziale. Con il ceco la difesa del Bologna reagisce impreparata. Rocchi è libero di svariare di più e di conseguenza più pericoloso.
Con questo assetto tattico sembrano esserci più spazi e il gol diventa solo una questione di tempo.
Precisamente di 23' minuti.
Brocchi ruba palla a centrocampo, avanza, verticalizza su Rocchi, bravo a sfruttare un clamoroso buco della difesa avversaria, che controlla e di piatto serve a centro area Mauri che con un tapin deposita fcilmente il pallone in rete. 1 a 0. E muro abbattuto.
Sotto di un gol, Malesani impone ai suoi di attaccare. La partita cambia quindi copione. Gli spazi si allargano e il trio Mauri - Rocchi - Hernanes gode finalmente di più libertà.
Il Bologna ci prova, ma i suoi attacci sono timidi e così dopo 7 minuti ad esultare sono di nuovo i biancocelesti, con la rete del raddoppio firmata Tommaso Rocchi. Un gran pallonetto ai danni di Viviano su assist P - A- Z - Z - E - S - C -O di Mauri.
Partita finita?
Macchè. L'ex Mudingay rimette tutto in discussione 180 secondi dopo, con un gran tiro al volo imparabile per Muslera.
Sul 2 a 1 Reja decide di far entrare Foggia per Rocchi. Malesani crede nella rimonta e inserisce punte fresche come Paponi e Siligardi. Reja risponde non commettendo l'errore di far esntrare un difensore, e continua a pretendere dai suoi di attaccare. Di Vaio ci prova, ma le sue conclusioni sono sempre ribattute dal muro - questa volta - laziale, formato da Dias e Biava. Non succede nulla fino al terzo minuto di recupero: Britos atterra in area l'ottimo Kozak e il direttore di gara fischia il penalty che vine trasformato con feddezza e precisione da Hernanes. Debutto all'Olimpico bagnato con gol. 
A fine partita la sensazione che si ha, è che la Lazio dell'anno scorso, questa stessa partita, non l'avrebbe mai vinta. E questo - per il momento -  è già un bel passo avanti.

4 commenti:

Vincenzo ha detto...

Complimenti per la vittoria, avete giocato una buona gara. Rocchi ha fatto davvero un bellissimo gol, mentre Hernanes è il vostro perno a centrocampo.

Continuate così, mentre i giallozozzi beccano 5 pappine dal cagliari!

Ciao.

StreamBoy ha detto...

Salve complimenti per il blog, vorrei chiederti uno scambio link con il mio:

http://mondo-calcio-streaming.blogspot.com/

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Passano gli anni ma Rocchi è sempre micidiale e sempre il vostro miglior attaccante, dovreste clonarlo!
Ma che cavolo succede a Zarate? Questo benedetto ragazzo vorrà mica ripetere l'anno precedente?
Le attenuanti sono finite, deve darsi una svegliata...ciao!

Luca ha detto...

Ciao,
ti andrebbe di scrivere qualche articolo sulla Lazio sul portale CalcioIta.com?
Se sei interessata puoi ricontattarmi via e-mail all'indirizzo : webmaster@calcioita.com

Saluti, Luca