10 feb 2010

Contestazione a Formello, i tifosi si ribellano.



Nella giornata di ieri, l'annuncio del nuovo allenatore non è bastano ai molti tifosi biancocelesti che si sono dati appuntamento a Formello per contestare la società e la squadra. Gli slogan contro Lotito erano tanti quanti i 400 tifosi. Un gruppo di ultrà ha provato ad entrare nel quartier generale del club biancoceleste ed è stato respinto dalle forze dell'ordine presenti. A seguito degli scontri sia agenti che tifosi sono rimasti feriti. Undici ultrà della Lazio sono stati fermati dalla polizia. Non sarà questo blog ad inneggiare alla violenza, ad esaltare quei pochi tifosi fuori controllo ma la verità è che a questo epilogo ci hanno portato loro. Sono mesi che le televisioni, i giornali e quanto altro non considerano le vicende della S.S. Lazio come notizie in primo piano. Si parla del caso Juve, si parla dei gol di Pandev e Milito, di Champion's League e di Ronaldinho e le sue feste, ma non si proferisce parola su di un argomento così delicato come il calvario di una tifoseria e dei suoi giocatori, costretti a sopportare le pazzie di uno pseudo-imprenditore-presidente. Scarsa attenzione anche al sit-in di poco tempo fa organizzato dai tifosi e dai volti noti (biancocelesti) della tv. Ecco come si conclude questa frustrante agonia, con tifosi e poliziotti feriti, con gravi minacce a Lotito e con una promessa dal popolo laziale: " Se non va via Lotito, la Polverini troverà molte schede nulle" Forse, e dico forse questo è il tasto sul quale battere per far capire a questo squallido paese la nostra sofferenza, quale tasto? la Politica. Sono infatti già avvenuti i primi movimenti a favore dei tifosi, da parte del Sindaco Alemanno: «Farò di tutto per sensibilizzare la dirigenza ad adottare le misure necessarie per evitare la retrocessione. Dobbiamo fare tutto quello che è nelle nostre possibilità per aiutare la Lazio, una squadra con un grande bacino d’utenza e con una grande tifoseria. É fondamantale fare il possibile per continuare ad avere due squadre nella massima serie. Nei prossimi giorni ha già preannunciato un incontro con i tifosi per ascoltare le loro richieste, ma dovranno collaborare». E da parte di Gianfranco Fini, che pare abbia spinto Reja verso la panchina romana. Insomma i tifosi chiedono a gran voce le dimissioni del presidente Lotito, perchè sanno bene che un cambio in panchina non fermerà la crisi biancoceleste, provocata in gran parte da quest'ultimo. Intanto diventano sempre più insistenti le voci di boicottaggio da parte degli stessi giocatori, non solo di quelli in panchina. Sembra infatti che molti calciatori per svincolarsi con le varie clausole di contratto, preferirebbero la discesa della società in serie B. Complimenti mercenari. Infine nelle prossime ore è attesa l'ufficializzazione dell'ingaggio del nuovo allenatore del club capitolino.

9 commenti:

alfredo ha detto...

Spero che le voci di boicottaggio per svincolarsi andando in B non siano vere perchè allora si che succederebbe la tragedia...Non ci saranno solo scontri...questo mi pare logico...credo che lo svincolo poi glielo diamo per il paradiso!

4EverInter ha detto...

Alfredo
Io il dubbio di ció che dici lo ho avuto molte volte e giá avevo espresso questa idea nei giorni scorsi:purtroppo a calcio si gioca in 11 e sono suficienti 3/4 elementi a boicottare l'ambiente per mandare tutto a rotoli ! Staremo a vedere.le prossime pertite...ci aiuteranno a capire meglio la situazione !

Vincenzo ha detto...

In primis spero davvero che Reja vi salvi perchè lo meritate! Per quanto riguarda le contestazioni sono d'accordo finchè si resta nei limiti della non-violenza, perchè questa non serve mai a nulla.

Che la Lazio rinasca e in fretta!

Un saluto, Vincenzo.

yashal ha detto...

Infatti (4everinter) ti ho pensato quando ho letto le notizie di boicottaggio...purtroppo ank'io ho il forte sospetto ke sia tutto vero. Speriamo almeno nella salvezza con Reja. ciao

Francesco ha detto...

stando così le cose reja deve capire chi sta con la lazio e chi no e deve, se necessario, anche effettuare scelte drastiche..come per ex mandare zarate in panchina, etcc...ciao

marco99 ha detto...

torniamo sempre al solito punto, quando una società è mal gestita i giocatori lo vedono e si comportano di conseguenza.
Se Lotito si facesse da parte (come gli elkann per noi) tutto tornerebbe ad una situazione di normalità..
ps
da parte mia applaudo ai tifosi che ieri hanno contestato e che non sono disposti a svendere la loro passione in nessun caso..

alfredo ha detto...

Io so per certo he molti giocatori vogliono andare via e già nella finestra di gennaio erano parecchi quelli che volevano lòasciare la lazio...non per i tifosi ma per un indegna società che gestisce come fosse una frutteria.
Me lo ha riferito mio cugino che lavora in alitalia (stewart9 e parlò con Brocchi e poco dopo uscirono quelle dichiarazioni famose che dicevano che noi tifosi dovevamo stare vicini alla squadra. SONO CERTO ANCHE IO CHE C'E' qualcuno che stia boicottando...ma non la passerà liscia...

Ora ricompattiamo la tifoseria e salviamoci tutti insieme...poi alla fine del campionato VIA LOTITO a modo nostro!

AVANTI LAZIO!

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Scusa yashal ma stavolta non condivido quasi nulla del tuo intervento: premesso che secondo me i politici dovrebbero pensare ad altre cose che alle squadre di calcio volevo ricordare che fu proprio essa a salvare la Lazio dal fallimento permettendo, con una legge vergognosa, di dilazionare i debiti in 23 anni!!!
Ti assicuro che una cosa del genere alla SAMPDORIA, ad esempio, non l'avrebbero concessa!
Quanto alla contestazione condivido ciò che dice Vincenzo, nulla giustifica la violenza!
Reja non mi fa impazzire, ma sulla piazza di meglio probabilmente non c'era nulla, è un allenatore d'esperienza e un vecchio condottiero è quello che ci vuole...ciao!

francescomisc ha detto...

Auguro di cuore che reja sia il regista della rinascita laziale. Lo merita lui,mai sufficientemente apprezzato, lo merita questa squadra che sicuramente non merita l'attuale posizione, lo merita il pubblico biancoceleste, lo merita...yashal.


ciao da "Quelli che l'Inter..."