12 feb 2010

A Parma senza tifosi e con poca speranza.

Si dice che la speranza sia l'ultima a morire e allora ancora una volta con le dita incrociate, accettiamo la sfida. Il prefetto di Parma ha vietato la trasferta ai tifosi laziali, quindi la squadra dovrà lottare da "sola" per conquistare la vittoria. Sarà quasi una missione impossibile visto l'ultimo match disputato dagli emiliani. Difficile perchè i biancocelesti giocheranno con l'acqua alla gola, con il fiato sul collo di tifosi, dirigenza e allenatore. Difficile perchè si può solo vincere, non ci sono pareggi da conquistare ma solo i tre punti. Il Parma è un ottima squadra, in grado di fermare la corsa nerazzurra e giocare (soprattutto in casa) un calcio ordinato e di qualità. Per i padroni di casa, giocherà l'ex biancoceleste Jimenez, ed una coppia di attacco davvero pericolosa, composta da Biabiany e Bojinov. Sarà la prima partita di Edy Reja da tecnico laziale, dovrà affidarsi ai giocatori che davvero lotteranno per non retrocedere. Chi sono? in difesa Radu, Stendardo, Dias e Biava. Quest'ultimi appena arrivati non avranno intenzione di boicottare la società. A centrocampo tutto passa dal reintegro effettivo di Ledesma. Non ci sono scuse, non devono esistere se o ma. L'argentino deve tornare al servizio della squadra, abbiamo bisogno di lui anche solo fino al termine della stagione. Punterei ancora su Hitlsperger, Firmani (unico dal cuore laziale) Kolarov e Brocchi. In attacco Floccari, Rocchi. Zarate? No, Zarate è uno di quelli che merita la panchina, almeno per un pò. L'argentino non segna in campionato dal 27 settembre scorso, contro il Palermo. Poi solo gol in Europa League o in Coppa Italia (l'ultimo a Firenze il 20 gennaio). Purtroppo è chiaro a tutti qual'è la vera causa della crisi della S.S. Lazio 1900, ha un nome ben preciso: Claudio Lotito, ma fino a quando non lascerà la dirigenza a qualcuno più competente, non ci resta che sperare nella salvezza. Obiettivo: conquistare la vittoria, non ci sono altri modi per salvare la Lazio, e poi la speranza è l'ultima a morire.

probabili formazioni:
Parma Mirante,Paci,Panucci,Lucarelli,Zaccardo,Morrone,Jimenez,Galloppa,Castellini,Bojinov,Biabiany.
Lazio Muslera,Diakitè,Stendardo,Dias,Biava,Brocchi,Ledesma,Firmani,Mauri,Rocchi,Floccari.

4 commenti:

alfredo ha detto...

E' dura come sarà dura da qui alla fine...ma non dobbiamo mollare e crederci fino alla fine...poi tireremo le somme. Certo è che la situazione è molto critica. soprattutto perchè la stampa lazialunta ( quei giornalisti che scrivono di lazio e sono di fede romanista, quasi il 70%) ci stanno massacrando e proprio loro con i loro presunti scoop e scandali ci stanno affonssando rendendo il clima ancora più avvelenato. Tecnicamente credo che ce la giochremo...Reja dovrà solo trovare una equilibrio a questa squadra e poi le cose si riaddrizzeranno. Il calcio italiano è molto livellato...togliendo Inter e Roma che lotteranno per lo scudetto testa a testa le altre squadre hanno lo stesso potenziale...quindi è possibile fare risultato su qualsiasi campo...Sono fiducioso...Avanti lazio!

Vincenzo ha detto...

Ho letto che Ledesma verrà reintegrato per volere di Reja. Questa già è un'ottima notizia per il vostro centrocampo.

Zarate buttatelo in panchina che con lui non potrete mai giocare "di squadra". Reja penso lo capirà.

Un saluto, Vincenzo.

4EverInter ha detto...

Il Parma in casa é sempre una squadra temibile anche se con l'Inter e in questo ultimo periodo non ha dimostrato molto.La Lazio forse ancora meno...ma la cosa piú pericolosa di questa partita é che il Parma sa che con una vittoria da un passo da gigante per la salvezza e vorrá sfruttare l'occasione.E le vittorie del Livorno e del Catania potrebbero gettare la Lazio in una porfonda crisi di nervi poi difficile da gestire in tutti gli aspetti.

marco99 ha detto...

la partita è difficile, cmq questa cosa di vietare le trasferte ad "orologeria" a secondo di come si svelga un prefetto è un atto che nei fatti altera il campionato.
La trova una cosa ingiusta.