06 dic 2009

furto e fortuna a Roma

" Non Mollare Mai"

A Roma una bella Lazio ma poco concreta. Finalmente una squadra degna del suo nome, un pubblico sempre presente ma...il derby è della Roma. Come l'anno scorso ancora un furto nel primo dei due match capitolini. Ballardini schiera una squadra difensiva che schiaccia i suoi avversari senza dargli mai fiato, senza respiro per tutto il primo tempo e gran parte del secondo. Sembra un post di parte ma non lo è perchè abbiamo incassato tanti gol e tante sconfitte meritate per il non gioco della squadra ma questa sera, credetemi, è stato un furto. Tante occasioni per i biancocelesti, discreta difesa ottimo attacco con Zarate prima punta e un ispirato Mauri. Nel primo tempo è solo Lazio:al 9' punizione di Kolarov, il tiro è forte ma centrale. Intanto dagli spalti iniziano i primi tafferugli, vengono lanciate bombe carta che preoccupano la sicurezza che si vede costretta ad interrompere la partita. Ben 5 minuti di stop nel derby di Roma. Alla ripresa è sempre la Lazio a fare il gioco mentre i giallorossi, molto nervosi, pensano solo a difendersi. Al 27' Totti mette al centro dell'aera laziale una bella palla da sinistra ma Perrotta viene anticipato con palla in corner.
Al 30' Matuzalem dalla destra e la palla quasi sorprende Julio Sergio, che deve respinge volando verso destra. Mi viene subito da pensare che se la Lazio avesse giocato così gli altri match avremmo sicuramente sei o sette punti di più ma si sa che il derby è partita a sè...peccato! Nel finire del primo tempo è sempre dominio biancoceleste, gioca bene Zarate che scappa come un furetto tra le maglie giallorosse, nessuno lo prende e nessuno lo assiste. Al 43' Mexes non ce la fa, si tiene il ginocchio e Ranieri fa scaldare Cassetti. E' il derby numero 133, la Lazio attacca ancora e la Roma si difende. Nella ripresa si vede in campo Pasquale Foggia per uno stanco Matuzalem, al 3 minuto Zarate impegna Julio Sergio e subito dopo su
doppio angolo la Roma rischia di prendere il gol ma la sua fortuna è snervante. Sembra essere un derby a senso unico perchè pochi minuti dopo è ancora Zarate che batte una punizione che "il pupone" devia e per l'arbitro c'è deviazione di mano. Inizia qualche fischio dalla Nord per la seconda battuta alta di Maurito. Deve passare un quarto d'ora per vedere la prima incursione della Roma: 15'affondo di Totti che mette al centro ma nessuno è pronto alla deviazione, la palla arriva a Cassetti che tira debolmente. Sul capovolgimento di fronte Muslera pesca Zarate che in contropiede scappa a Burdisso, ma è il palo questa volta a graziare i tifosi della Sud. L'azione non finisce:
la palla aveva superato il portiere romanista tornando al centro dell'area dove Mauri calciando un colpo sicuro trova la parata da terra di Julio Sergio: miracolo! Poco dopo anche il nostro portierino fa il suo dovere, deviando un colpo di testa di Perrotta in calcio d'angolo. Ma la legge del calcio vuole che quando giochi bene e sbagli tante azioni prima o poi ti puniscono così la Roma di un fortunato Ranieri passa in vantaggio (gol vittoria) al
34': gol di Cassetti. Azione e cross di Vucinic da destra per Cassetti che è solo al centro dell'area e devia al volo sul secondo palo per la rete. Grande festa del popolo romanista che per tutta 60 minuti ha tremato di fronte ad una Lazio che ricordava il 4-2 non troppo lontano. Ci prova fino all'ultimo la Lazio ma senza concretizzare i suoi sforzi, la Roma prende coraggio e congela il risultato nonostante l'espulsione di Pizarro per doppio giallo al 43'. Buon arbitraggio anche se con molte interruzioni di gioco. La Lazio resta in zona retrocessione, ma la squadra di stasera tutto può essere tranne che da B. Adesso ci attende una lunga settimana prima d'incontrare il Genoa di Gasperini.

14 commenti:

marco99 ha detto...

Mai risultato fu più ingiusto di questo.
Anzi complimenti per la pacatezza del commento, fosse capitato a me di perdere un derby cosi mi chiudevano il blog :)
A parte che noi di derby ne facciamo pochi, i nostri cuginetti sono in B un anno si e l'altro pure.
Peccato davvero, ma la Lazio vista stasera saprà uscire da questa posizione in classifica presto.

Francesco ha detto...

Peccato, credo sia stata la miglior lazio della stagione. Il risultato è bugiardo e anche il pari sarebbe stato stretto. La Lazio meritava di vincere, bella prova di carattere...peccato, vi rifarete al ritorno...

alfredo ha detto...

Se il drby lo decide cassetti questo la dice tutta sulla jella che perseguita questa povera lazio che nonostante la grande abnegazione, la grinta che ha profuso manca di molto a livello strutturale...manca uno che la butta dentro e questo mi preoccupa molto! Loro invece hanno il solito culo che li accompagna fedelmente nei secoli!

Vincenzo ha detto...

Ciao, ieri ho visto la partita e devo dire che è stato un brutto derby. La lazio avrebbe senza dubbio meritato di vincere più della Roma e se non ci fosse stato Julio Sergio (da dove è uscito sto portierone?!?!) il derby sarebbe stato a tinte biancocelesti.

Una considerazione. A mio modo di vedere i problemi della Lazio sono tutti legati a Zarate, un giocatore troppo "prima donna" che non la passa nemmeno se lo costringono con una pistola alla tempia (metaforicamente).

Non ho capito poi perchè Ballardini non abbia fatto giocare Rocchi che a mio modo di vedere è un grande attaccante (noi interisti ne sappiamo qualcosa....).

Cmq vi rifarete, un saluto, Vincenzo.

Universointer

a'nigolè ha detto...

Forza e Onore sempre e cmq!!!

alfredo ha detto...

l'onore non ci manca e non ci mancherà di sicuro almeno a noi tifosi...ma sono i calciatori che devono svegliarsi e rendersi conto che stanno lottando per la salvezza. Devono metterci cattiveria e non sufficenza come quel maledetto di mauri che con sette metri di porta e un portiere a terra gli tira addosso..è la terza volta che si mangia un gol del genere...sto scarsone! Per il resto meno male che c'è zarate altro che lui il problema...il problema è che manca il centrocampo e manca una punta da 10/15 gola a stagione come poteva essere pandev...Rocchi e buono al posto di TARE...ormai è bollito scaduto, da macero!

Ora e per sempre solo la maglia...solo la sslazio1900!

Gianluca Scatena ha detto...

Anche io credo che il risultato sia totalmente ingiusto...ieri abbiamo visto una grande Lazio...ma purtroppo anche questo è il calcio...
a presto...

Gianluca - Forza Juve blog

Antonio ha detto...

Che dire, quando la sorte dice no è no. Però tutto può cambiare, già dalla prossima giornata..questa Lazio ha dato segnali di ripresa, e non è nemmeno ipotizzabile vederli retrocedere..

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Che sfiga la Lazio!
Davvero un brutto segnale quando i risultati non arrivano neppure quando si gioca meglio dell'avversario...cmq forse l'uscita dalla Europa League non è stato un male, ora la squadra potrà concentrarsi sul campionato per risalire...ciao!

Entius ha detto...

Non ho visto la partita, solo le azioni salienti però mi è sembrato che se c'era una squadra che meritava i tre punti quella era sicuramente la LAzio. Peccato...

Comunque se giocheranno sempre così la classifica migliorerà.

C'èSolol'Inter ha detto...

Ho visto il secondo tempo e la Lazio stra-meritava la vittoria!
FORZA REAGIRE!
Ciao
Sergio

Francesco ha detto...

partita bruttina, poche azioni da gol e la solita coperta corta.
L'assetto proposto da Ballardini copriva benissimo la difesa (Totti? Menez? Vucinic?) e creava una superiorità numerica a centrocampo che ti consentiva di "menare le danze" ( a 2 all'ora perchè Baronio ha piedi buoni ma cervello lentissimo). In compenso Zarate restava senza troppa assistenza, vero che a Kolarov gliela poteva passare ma è stato un caso assolutamente unico. Rocchi andava messo almeno 10 minuti prima, con le squadre stanche poteva fare qualcosa in più, Mauri non ha colpe sul gol sbagliato, col portiere a terra vai a botta sicura e 9 volte du 10 la butti dentro. La Roma è stata molto fortunata, Ranieri l'avrà pure scossa caratterialmente ma gioco poco e culo tanto, vedere oltre al palo, la casualità dell'ingresso di Cassetti che rimedia all'errore dell'allenatore di mettere Burdisso terzino contro una squadra senza attaccanti, e vedere anche come una ciabattata del neoentrato si trasformi nel più imparabile dei tiri...quando le cose devono andare male a tutti i costi!

Anonimo ha detto...

Forza Lazio!!!

salute from Portugal!!

Anonimo ha detto...

Le occasioni di gol di Riise e Perrotta evidenziano come alla Roma sono bastati 20 minuti, semplicemente giocando a pallone, per battere la Lazio. La partita è stata giocata alla pari, tanto che il risultato più giusto sarebbe stato il pareggio, ma dire che per 60 minuti la Lazio ha dominato è come parlare di un'altra partita. La Lazio ha giocato tirando fuori l'orgoglio e la dignità, ma non è mai stata superiore alla Roma.