07 ott 2009

Riccardo Perpetuini

Originario di Cisterna di Latina, inizia a giocare a calcio sin da piccolissimo frequentando le scuole-calcio della sua città.
Superando alcuni provini, viene ammesso nelle formazioni giovanili della Lazio di cui è tifoso. Nel 2007 lascia Cisterna e si trasferisce a Roma, continando a crescere come calciatore. Diventa un membro effettivo della Primavera della squadra.
Nel luglio 2008 prende parte al ritiro della prima squadra, giocando in molte delle amichevoli pre-campionato.
Il 17 maggio 2009, a 18 anni, esordisce in Serie A entrando al posto di Dabo nel secondo tempo di Palermo-Lazio (2-0) allo Stadio Renzo Barbera di Palermo. La seconda presenza in serie A arriva il 20 settembre 2009 a Catania al venticinquesimo della ripresa al posto di Pasquale Foggia. Nell'incontro i biancocelesti pareggiano per 1 a 1 .Ha fatto gi­rare il pallone con ordine e geometria, buon tocco di palla, rapidità e predi­sposizione al contrasto. Il giovane talento biancoceleste ha buone possibilità di diventare il prossimo titolare nella rosa di Ballardini, giocando con la stessa grinta vista in campo contro il Palermo, avrà buone chance di sostituire qualcuno che nella Lazio non dovrebbe già giocare da tempo. In bocca al lupo Riccardo!

7 commenti:

Antonio ha detto...

Ben vengano i giovani..

marco99 ha detto...

Sono convinto che le squadre italiane debbano credere fino in fondo nei loro giovani.
Ciao!

a'nigolè ha detto...

Giusto!!!

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Ne ho sentito parlare molto bene, mi fa sempre piacere quando un giovane riesce a esordire in prima squadra dopo aver fatto tutta la trafila...ciao!

Space Inter ha detto...

Speriamo diano continuita al suo utilizzo, le premesse pare sian buone.
Ciao
http://spaceinter.blogspot.com/

yashal ha detto...

Mah!! speriamo bene...

francescomisc ha detto...

E' sempre un piacere vedere giovani esordire in prima squadra. Il problema è che non si da loro il tempo di crescere giocando, specialmente nelle squadre con obiettivi importanti.
Esempio la mia Inter.
ciao